Home News Il Volo, chi sono i tre giovani tenori: età, vita privata e...

Il Volo, chi sono i tre giovani tenori: età, vita privata e carriera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:20
CONDIVIDI
(Websource / archivio)

Il Volo, chi sono i tre giovani tenori: età, vita privata e carriera dei tre giovani diventati ormai un vero e proprio fenomeno internazionale.

All’anagrafe rispondono ai nomi di Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, ma per l’Italia intera (e non solo) sono semplicemente “Il Volo“. L’ormai storico gruppo musicale italiano (due tenori e un baritono), vincitore del Festival di Sanremo 2015 con il brano “Grande amore”, tornerà presto in gara sul palco dell’Ariston con “Musica che resta”. Con l’occasione ripercorriamo insieme il percorso artistico e il profilo biografico dei tre cantanti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nato artisticamente all’estero ma poi salito alla ribalta in Italia, consacrando il suo successo con la vittoria di Sanremo 2015, il Volo è un gruppo dalla storia a suo modo eccezionale. Innanzitutto i suoi componenti sono stati i primi artisti italiani a firmare un contratto diretto con una major statunitense, la Geffen (contratto da ben 2 milioni di dollari), e vantano un curriculum internazionale di tutto rispetto: oltre ad aver inciso brani in diverse lingue (inglese, francese, tedesco e spagnolo), si sono piazzati terzi all’Eurovision Song Contest nel 2015 (sempre con “Grande amore”) e hanno partecipato al tour “Back to Brooklyn” di Barbra Streisand.

Le biografie del trio

Le biografie dei cantanti sono abbastanza eterogenee ed esulano dagli schemi “classici”. Piero Barone, per esempio, nato a Naro (Agrigento) il 24 giugno 1993, mamma casalinga e papà meccanico, ha coltivato la passione per la musica senza però venir meno alle aspettative dei suoi genitori, diplomandosi a venticinque anni in amministrazione, finanza e marketing. Il suo profilo Instagram lo dà sentimentalmente legato a Valentina Allegri. Di un anno più giovane Ignazio Boschetto, nato a Bologna il 4 ottobre 1994, che invece si è appassionato alla musica lirica sin da piccolo, intonando “La donna è mobile” tra le mura di casa. E Gianluca Ginoble, considerato “il bello” del gruppo (e, a quanto si dice, corteggiatissimo), è nato l’11 febbraio 1995 a Roseto degli Abruzzi e vive con la famiglia a Montepagano. Sul suo account Instagram conta più di 500.000 follower!

La loro carriera è partita dal talent canoro “Ti lascio una canzone” e deve la sua unione a Roberto Cenci, che ha fatto di tre solisti un riuscitissimo trio canoro. All’epoca erano solo tre adolescenti (Piero aveva 16 anni, Ignazio e Gianluca appena 14) emeriti sconosciuti, da alcuni soprannominati “i tenorini”, poi ribattezzati “The Tryo”. Ma cimentandosi sulle note di “O’ sole mio”, “Torna a Surriento” e “Funiculì Funiculà” hanno ben presto bruciato le tappe del successo.

Dal primo album del Volo a oggi

Nel 2010 pubblicano il loro primo album, intitolato “Il Volo”, riscuotendo un successo straordinario, e vengono invitati al Festival di Sanremo come ospiti. Proprio da quell’esperienza matureranno la scelta di adottare quello che sarebbe stato il loro nome definitivo, “Il Volo”, a evocare sia il tentativo dei piccoli uccelli di dispiegare le ali, sia una famosissima canzone come “Nel blu dipinto di blu”, il cui ritornello recita appunto “Volare…”. Il loro primo tour nordamericano, nel 2011, si dividerà in ben 17 tappe tra Stati Uniti e Canada, e quello europeo altre 13. L’affermazione è ormai consacrata.

Nel 2012 arriva il secondo album, intitolato “We are Love” e con duetti con Placido Domingo ed Eros Ramazzotti. Anche questa si rivela un’operazione azzeccatissima, col brano “Luna nascosta” (tema della colonna sonora del film “Hidden Moon”) che verrà poi selezionato per la categoria di Migliore canzone alle nomination degli Oscar 2013. Di lì è un crescendo di conferme e nuovi traguardi, fino alla già citata vincita sanremese del 2015, cui seguiranno il quarto album intitolato “L’amore si muove” e, nel 2016, l’avvio del progetto “Notte magica – Tributo ai tre tenori”, un album dal vivo inteso come omaggio a José Carreras, Plácido Domingo e Luciano Pavarotti, poi tramutatosi in un’altra tournée mondiale. Ora il Volo torna a Sanremo 2019 con il brano “Musica che resta”, e molti già scommettono sull’ennesimo colpo grosso…

EDS