Lewis Capaldi, chi è: età, vita privata, carriera del cantante britannico

Il cantautore scozzese Lewis Capaldi è un vero fenomeno del momento. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Uno dei fenomeni musicali del momento è senz’altro Lewis Capaldi. Anche se in molti ascoltano le sue canzoni, poche persone conoscono il suo nome e sanno qualcosa su di lui. Il giovane cantautore (23 anni) è presente sulla scena discografica, e in generale musicale, da ormai diverso tempo. Solo di recente, però, ha conosciuto un successo davvero travolgente. Conosciamolo più da vicino.

L’identikit di Lewis Capaldi

Lewis Capaldi è nato a Whitbur, in Scozia, il 7 ottobre del 1996 e, come si evince dal cognome, ha origini sono per metà italiane (dal lato paterno). Cugino di Peter Capaldi, attore e regista britannico (sempre di origini italiane), Lewis si è avvicinato alla musica da bambino, ascoltando i dischi dei genitori. Poi, crescendo, ha iniziato a suonare la chitarra a a scrivere le sue prime canzoni.

Il nome di Lewis Capaldi è salito per la prima volta alla ribalta nel 2017, quando l’artista ha pubblicato un brano autoprodotto, “Bruises”, che in breve tempo ha fatto il giro del web, raccogliendo una valanga di ascolti. Di lì l'”ingaggio” di una major come la Universal e, dopo il primo ep “Bloom”, gli altri due: “Breach” (pubblicato a novembre del 2018) e “Bruises” (risalente allo scorso settembre).

Ma vera canzone della svolta nella carriera di Lewis Capaldi è però “Someone You Loved”, pubblicata nel novembre dello scorso anno. Il brano ha anticipato il primo (e, ad oggi, unico) disco dell’artista scozzese, “Divinely Uninspired to a Hellish Extent”, uscito a maggio 2019 e ispirato dalla fine della storia d’amore con la sua ragazza: finora è il più venduto di quest’anno nel Regno Unito e in Irlanda. Uno dei singoli estratti da quell’album, “Hold Me While You Wait”, è diventata un vero e proprio tormentone.

Oltre che in studio di registrazione, Lewis Capaldi è un cantante molto apprezzato anche dal vivo: non a caso è stato chiamato anche di recente come “artista spalla” di colleghi prestigiosi quali Ed Sheeran, Rag’n’Bone, Bastille e Sam Smith. Si è esibito anche sui palchi del Reading Festival 2019, di Lollapalooza e di Bonnaroo. E questo è solo l’inizio…

EDS