X Factor, chi è Giulia Galitzia: età, vita, carriera della rapper sarda

Giulia Galitzia, in arte Doll Kill, ha portato sul palco di X Factor 2019 un po’ di rap al femminile. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei. 

Doll Kill è il nome d’arte scelto da Giulia Galitzia, 23enne sarda che sul palco di X Factor 13 porta un po’ di rap al femminile, facendo così breccia (e non poteva essere altrimenti) nel cuore di Sfera Ebbasta. La ragazza può già contare su una carriera ben avviata e si muove con grande sicurezza sul palco. Non a caso sono in molti a puntare su di lei per l’edizione 2019 del talent. Conosciamola più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Giulia Galitzia

Giulia Galitzia, classe 1996, è diventata una figura importante nel panorama del rap italiano grazie al suo stile diretto e senza fronzoli, accompagnato da ottimi flow. Nei suoi testi Doll Kill provoca e sorprende, mettendo sempre una volta in luce il suo talento e una personalità forte che non passa inosservata e che le è già valsa un nutrito seguito di fan. Con il suo viso da bambola e i modi un po’ da “maschiaccio”, incarna perfettamente il ruolo di regina del rap.

Dopo i primi successi ottenuti nel 2012, con una raccolta di pezzi all’interno di “Punch Line Mixtape”, ha avviato una serie di collaborazioni, fra cui quella con Kill Mauri in “Double Kill” nel 2014. A seguire Doll Kill ha calcato i palchi più importanti del suo genere, condividendo la scena con artisti del calibro di Psycho Realm, Kool G Rap, Dilated Peoples, Colle Der Fomento, Il Turco, Barracruda, Dope Dod, Evidence, Marracash, Mr Phil, Nex Cassel e Metal Carter.

Nel gennaio del 2015, inoltre, Giulia Galitzia ha preso parte al roster TAK Production. Con l’etichetta indipendente di Roma ha pubblicato il suo primo disco ufficiale, “Struggle”, prodotto da Eker Blow (beatmaker sardo e fratello maggiore), Young Cruel, Tesmo, Stimena, Kiquè e Big Dega, mixtato da Kiquè Velasquez. “Oh My Doll”, il suo quarto lavoro in studio, è un EP con quattro tracce prodotto dalla TAK production.

“Sarà il legame di sangue, ma andiamo molto d’accordo – ha dichiarato tempo fa la rapper a proposito di Eker Blow –, anche lavorando in studio c’è molta intesa e questo ha sicuramente facilitato la cosa, avendo più esperienza nel settore mi ha sempre dato consigli e seguito”. Ad maiora!

EDS