Rocco Siffredi, chi è la moglie Rosa Caracciolo: età e vita privata

Rocco Siffredi, chi è la moglie Rosa Caracciolo: età e vita privata della donna che da anni sta accanto all’attore porno e che all’inizio condivideva con lui la stessa carriera. 

Se Rocco Siffredi è un personaggio che non ha assolutamente bisogno di presentazioni, sua moglie Rosa Caracciolo ha sempre assunto un ruolo un po’ più defilato, nonostante i due siano sposati dal lontano 1993 (e, come alcuni di voi ricorderanno, nel 2015 è uscito un reality intitolato “Casa Siffredi” dove Rocco e consorte hanno aperto la loro casa ai telespettatori per raccontare la loro vita privata). Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit della signora Siffredi

Di origini ungheresi, ma naturalizzata italiana, Rózsa Tassi, pseudonimo di Rosa Caracciolo, è la bellissima moglie ungherese naturalizzata italiana di Rocco Siffredi. I due si amano da oltre un quarto di secolo e hanno sempre avuto un rapporto fatto di amore e grande passione (e – per uno che di professione fa il pornoattore – non è affatto qualcosa di scontato). La signora Siffredi ha quarantasei anni (portati davvero benissimo): dopo un inizio di carriera come modella culminato con il titolo di Miss Ungheria 1990, si è trasferita a Cannes, dove è stata assunta come hostess a una fiera del porno. Proprio lì è avvenuto l’incontro con Rocco Siffredi.

Tra i due non è stato esattamente un colpo di fulmine… o forse sì. Rocco Siffredi si era trovato senza attrice per il suo film Il guardaspalle e propose la parte a Rosa, che accettò nonostante non avesse alcuna esperienza in quel campo, a condizione però che fosse solo ed esclusivamente lui ad affiancarla nelle scene hard. Un ciak dopo l’altro, è sbocciato l’amore. Nel 1993 il matrimonio in quel di Riccione, e tre anni dopo il primo bebè, Lorenzo, seguito poi da Leonardo: due figli “giganti” proprio come il padre (raggiungono entrambi il metro e 90 di altezza) e che oggi hanno rispettivamente ventitré e vent’anni.

EDS