Nuoro, attentato contro sede PD e sindaco nella notte

Nuoro, attentato contro sede Pd e sindaco
(Vigili del Fuoco)

Paura nella notte a Nuoro, dove si registra l’attacco alla sede del PD, distrutta facendo esplodere una bombola di gas, e all’auto del sindaco Matteo Piras. Per fortuna non ci sono stati feriti.

Il sindaco di Nuoro, Matteo Piras, è finito nel mirino di contestatori violenti. Questa notte infatti sono stati registrati due atti intimidatori nei suoi confronti ed in quelli dei rappresentanti del PD della città sarda. Il primo attacco è stato portato a Dorgali (Nuoro) contro la sede del PD: ignoti attentatori hanno fatto esplodere una bombola di gas all’ingresso del palazzo che ospita la sede dei dem, causando gravi danni al palazzo e distruggendo un’auto che era parcheggiata proprio di fronte. Per fortuna nell’esplosione non è rimasto ferito nessuno, ma l’accaduto ha causato attimi di panico tra i residenti.

Un secondo episodio criminale è stato registrato poco tempo dopo, quando l’auto del sindaco Piras è stata incendiata poco fuori la sua abitazione. I Vigili del Fuoco sono stati chiamati poco dopo l’inizio del rogo, ma non sono riusciti ad evitare che il veicolo prendesse completamente a fuoco. Sembra evidente che qualcuno voglia far spaventare il primo cittadino che, intervistato da ‘Ansa’, ha espresso tutto il suo dispiacere per l’accaduto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuoro, il sindaco Piras: “Non mi arrendo, andrò avanti”

Raggiunto dall’agenzia di stampa dopo la difficile notte, in sindaco nuorese ha dichiarato di non aver intenzione di lasciarsi intimidire: “Un gesto assurdo totalmente inaspettato, ma io non mi arrendo, andrò avanti, la democrazia non può finire con questi atti altrimenti vivremmo nella giungla”. Il sindaco si rivolge poi agli autori del gesto e spiega loro di essere a disposizione per risolvere qualsiasi problematica: “Il modo per farmi conoscere le problematiche sarebbe dovuto essere un altro: venire a dirmelo a voce, in maniera civile. Vivo in mezzo ai miei concittadini, mi avrebbero potuto fermare anche per strada: avremmo chiarito in questo modo”. In conclusione si dice assolutamente ignaro su quali possano essere i motivi di questo attacco.