Nino La Rocca, chi è: età, carriera, successi, soprannome, curiosità

Chi è l’ex pugile italiano di origini maliane Nino La Rocca: la sua carriera e i suoi successi, il soprannome, curiosità sulla vita privata.

Nino La Rocca
(screenshot video)

Classe 1959, Nino La Rocca è stato uno dei pugili più interessanti negli anni Ottanta in Italia, con un buon ruolino e un titolo europeo EBU nella categoria pesi welter. Il pugile, vero nome Cheid Tijani Sidibe, padre maliano e madre siciliana, è nato a Port-Étienne nell’Africa Occidentale Francese, oggi Mauritania. Ottenne la nazionalità italiana nel 1983 e gli americani gli affibbiarono un soprannome alquanto singolare: The Italian Alì, con riferimento a Muhammad Alì/Cassius Clay.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Curiosità e carriera dell’ex pugile Nino La Rocca

Nel corso della sua carriera, ha disputato ottanta incontri, vincendone 74 dei quali 59 per ko, mentre è andato al tappeto complessivamente per sei volte. Sotto la guida del suo manager Rocco Agostino, secondo gli addetti ai lavori ha totalmente rivoluzionato il modo di fare boxe. Nel settembre 1984, ha anche tentato l’assalto al Mondiale dei Pesi Welter W.B.A.-I.B.F, ma senza riuscirci. Nel 1989 divenne poi campione europeo di categoria. Durò appena pochi mesi, perché non riuscì a difendere la cintura.

Nino La Rocca è stato anche un personaggio fuori dal ring: prima la lunga trafila per ottenere – grazie anche all’interessamento del presidente della Repubblica, Sandro Pertini – la cittadinanza italiana, poi il controverso rapporto con la moglie, la pornoattrice Manuela Falorni, anche per l’affidamento del figlio, infine le eclatanti azioni simboliche davanti a Palazzo Chigi per chiedere di tornare a combattere o comunque avere ancora un ruolo nel mondo della boxe. Negli ultimi anni, ha portato avanti una battaglia per una sorta di Legge Bacchelli anche per gli sportivi che hanno dato lustro ai colori azzurri.