Home News Youtube, multa milionaria in arrivo: violata la privacy dei bambini

Youtube, multa milionaria in arrivo: violata la privacy dei bambini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28
CONDIVIDI

Youtube multa milionariaYoutube ha trovato l’accordo con la Federal Trade Commision per la violazione della privacy dei bambini riscontrata dall’ente federale.

Dopo lo scandalo Facebook-Cambridge Analityca, il governo degli Stati Uniti ha posto maggiore attenzione sulle attività dei colossi del web e sulla tutela della privacy degli utenti. Qualche settimana fa proprio Facebook è stato segnalato per una violazione dei diritti di privacy dei proprio utenti, violazione per la quale ha raggiunto un accordo con la Federal Trade Commission sulle modifiche da apportare e sulla multa da pagare (che dovrebbe aggirarsi sui 5 miliardi di dollari).

Nel mirino dell’ente a tutela della privacy degli utenti pare ci sia finito anche Youtube. A condividere l’informazione è stato il ‘Washington Post‘ sul quale si legge che la società di Google avrebbe violato la legge Coppa, ovvero quella che preserva i bambini dalla targhettizzazione a scopo commerciale. Contravvenendo alle regole, Youtube avrebbe quindi tracciato i minori di 13 anni prendendo i loro dati sensibili e i dettagli delle loro mail per poter inviare pubblicità e contenuti mirati in base alle ricerche effettuate. Inoltre li avrebbe esposti alla visione di contenuti inadatti alla loro età.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Youtube riceverà una multa milionaria

Sempre secondo quanto riportato dalla stampa americana, in questi giorni Google avrebbe raggiunto un accordo con la Federal Trade Commission sulla violazione. L’accordo consisterebbe un cambio delle policy che prevede un maggior controllo sui contenuti riservati ai bambini (oltre al rispetto dei dati sensibili di minori in fascia d’età a rischio) ed una corposa multa da corrispondere. Già da inizio anno Youtube sta pensando di separare i contenuti riservati ai bambini da quelli riservati agli adulti. L’esigenza di una simile distinzione era nata quando ad inizio anno si è scoperto che alcuni video contenenti immagini di bambini erano stati commentati in massa da pedofili.