Home Curiosità Muore dopo un bagno al mare per colpa di un batterio mangiacarne

Muore dopo un bagno al mare per colpa di un batterio mangiacarne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00
CONDIVIDI

66enne americano muore dopo un bagno al mare, contrae un batterio mangiacarne.

batterio-mangiacarne-mare-florida
batterio-mangiacarne-mare-florida

Una notizia sconvolgente che però non deve certo allarmare o obbligarvi a non andare più al mare. Purtroppo è una fatalità, ma va raccontata. Un uomo americano di 66 anni è morto dopo 48 ore di agonia perché è stato colpito da un cosiddetto batterio mangiacarne. L’uomo era in vacanza in Florida, a Destin Beach e tutto è accaduto talmente rapidamente che non  c’è stato purtroppo niente da fare.

Muore dopo un bagno al mare, panico in Florida

A raccontare l’accaduto è stata la figlia su Facebook, il padre, Dave Bennet, dopo una giornata al mare si è svegliato con una febbre molto alta e i familiari lo hanno portato subito al Pronto Soccorso a Memphis e i medici hanno notato che l’uomo aveva una macchia nera sulla schiena. I medici hanno provato il possibile per salvare il signor Bennet, ma le sue condizioni cliniche sono precipitosamente peggiorate portandolo alla morte. Dall’autopsia è emerso successivamente che  era stato colpito da una fascite necrotizzante per via di un batterio mangiacarne che gli è stato fatale. L’uomo era sicuramente particolarmente debole perché aveva combattuto con il cancro per molti anni e le sue difese immunitarie erano basse, ma aveva pochi graffi ben protetti hanno assicurato i familiari. Il batterio, dopo 48 ore dalla sua giornata al mare lo ha distrutto e la figlia sottolinea che, se ci fosse stato anche solo il minimo avviso di qualsivoglia pericolo non avrebbero mai permesso all’uomo di fare il bagno in quello specchio d’acqua. Pare però che delle informazioni su possibili batteri nell’acqua ci fossero, ma il tutto è stato scoperto molto tardi, troppo per l’uomo che ha perso la vita a causa di questo batterio. La figlia ha deciso di scrivere il post su Facebook perché non vuole che altre persone possano subire la loro tragedia e sensibilizzare tutti su questo argomento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI