Gabry Ponte, chi è: età, vita privata e carriera del famoso dj

Gabry Ponte, chi è

Gabry Ponte è un celebre disc jockey italiano. Ponte si esibirà questa sera a Battiti Live. Scopriamo tutte le curiosità sulla sua vita e carriera.

Gabriele Ponte, in arte Gabry, nasce a Torino nel 1973. Dell’infanzia di Ponte conosciamo poco e nulla, la prima notizia certa della sua carriera è l’ingresso nel 1993 alla BlissCo., un’azienda italiana che stava nascendo proprio in quel periodo. L’azienda, specializzata in strumenti e finanziamenti musicali, segna Ponte come dj producer. Impossibile non ricordare la prima band che portò Gabriele alla ribalta, gli Eiffel 65. Composto da Ponte, Maurizio Lobina e Gianfranco Randone, il gruppo italiano comincia a farsi conoscere e a sbalordire i suoi ascoltatori. Il sodalizio dura fino al 1999, anno dell’incisione del celeberrimo brano Blue (Da Ba Dee) che li renderà celebri in ben 24 paesi, quando Ponte decide d’incidere il suo primo pezzo da solista Got to Get.

Gabry Ponte, il successo da solista e la vita privata

La rottura dei rapporti con gli Eiffel 65 – il gruppo era stato nominato ai Grammy Awards e aveva vinto diversi premi in Europa – Ponte decide di dedicarsi alla carriera da solista, una scelta che gli porterà altrettanta fortuna. Gabriele riesce a distinguersi per uno stile sempre rinnovato, giocando con brani classici legati alla cultura italiana e destrutturandoli creando un connubio tra vecchio e nuovo, godibile sia dai giovani che dalle fasce adulte. Ponte ci regala in questo periodo, che poi perdurerà fino ai giorni nostri, successi come Geordie, Figli di Pitagora, Vivi nell’aria, Don’t Let Me Be Misunderstood e tanti altri. Questa sera Ponte di esibirà nel programma Battiti Live, condotto da Alan Palmieri ed Elisabetta Gregoracci.

Gabry Ponte, la vita privata

Non si hanno molti dettagli la vita privata di Gabry Ponte. Girano voci di corridoio su una sua presunta frequentazione con l’ex cantante delle Lollipop Marcella Ovani, il tutto sarebbe avvenuto nel 2014, ma non abbiamo niente di certo.