Walter Chiari: carriera, curiosità e vita privata del grande comico

Walter Chiari: carriera, curiosità e vita privata del grande comico, gli esordi, il teatro di rivista, il successo cinematografico, la morte.

walter chiari
(screenshot video)

Classe 1924, Walter Chiari, a cui ‘La Sai L’Ultima’ rende omaggio nella puntata del 21 giugno, è stato sicuramente uno dei grandi esponenti della commedia italiana del Secondo Novecento, insieme a Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Nino Manfredi, Vittorio Gassman e pochi altri. Nato a Verona da famiglia di origini pugliesi, a tre anni si trasferisce a Milano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere su Walter Chiari: il cinema, le controversie, gli amori

Da adolescente, Walter Chiari si avvicina al pugilato, quindi fu assunto in una banca, ma di nuovo licenziato perché scoperto in un’imitazione di Adolf Hitler. Negli anni della Resistenza, l’attore si arruola nella X Flottiglia Mas e insieme a Ugo Tognazzi conduce alcune trasmissioni radiofoniche. L’esordio vero e proprio nel cinema e negli spettacoli di varietà arriva nel Dopoguerra. Esponente del teatro di rivista, con l’avvento della televisione, ebbe la possibilità di riproporre molti degli sketch più famosi. L’attore è noto anche per i suoi tanti flirt con donne famose: Elsa Martinelli, Delia Scala, Lucia Bosè, la principessa Maria Gabriella di Savoia, la cantante Mina.

Nel 1957 fu scritturato per girare La capannina, una produzione statunitense girata a Cinecittà; qui conobbe Ava Gardner e anche con lei ebbe una relazione. Ha lavorato con grandi registi come Mario Soldati, Luchino Visconti, Mario Mattioli, Steno, Luigi Comencini e altri, girando decine e decine di pellicole. Dal 1969 fino al 1981 è stato poi sposato con la collega Alida Chelli. Risale al 1970 il suo arresto per detenzione e spaccio di cocaina: resta in carcere 70 giorni e al processo viene condannato con la condizionale solo come consumatore. Altra vicenda controversa riguarda una battuta su Piazzale Loreto e Mussolini, contestata sia dalla stampa che dalla sinistra italiana, con picchetti organizzati a ogni spettacolo del comico. Morì per infarto pochi giorni prima del Natale 1991, trovato senza vita in un residence dove alloggiava a Milano.