Home News Mandrake, noto mago indiano, prova il numero alla Houdini e finisce male

Mandrake, noto mago indiano, prova il numero alla Houdini e finisce male

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16
CONDIVIDI
mandrake houdini
Un mago detto ‘Mandrake’ ha provato un numero alla Houdini. Finisce male – FOTO: viagginews

Si faceva chiamare Mandrake ed era un illusionista di 41 anni che credeva fortemente nella magia. Ma questo lo ha portato verso la sua fine.

Un mago ha tentato un numero sensazionale alla Houdini, ma la sua esibizione si è conclusa in modo drammatico. Lui si chiamava Chanchal Lahiri, 41 anni, ed era un illusionista di professione, alquanto conosciuto in India dove si faceva chiamare con il nome d’arte di ‘Jadugar Mandrake’. L’uomo si è immerso nel fiume Hooghly, che bagna Calcutta, con sei lucchetti a tenere ferme le catene che lo avevano del tutto immobilizzato. Purtroppo però Mandrake non è più riemerso, lasciando senza parole la folla di curiosi che si era assiepata intorno per assistere all’evento. Già nel 2013 il mago tentò un sensazionale numero di escapologia. In quella circostanza si fece calare sempre nel fiume Hoogly dopo essere stato rinchiuso all’interno di una gabbia fatta di vetro. Riuscì ad evadere nel giro di 29 secondi, anche se alcuni sostengono di aver visto il trucco utilizzato. Pare che Mandrake si fosse avvalso di una porta camuffata e lasciata aperta. Stavolta è andato tutto diversamente.

LEGGI ANCHE –> Contromano in autostrada, fermato con le due figlie: “Avevo perso il portafogli”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mandrake aveva detto: “Voglio risvegliare l’interesse per la magia”

“Se dovessi riuscire a liberarmi sarà davvero magico. In caso contrario, sarà tragico”, ha dichiarato l’illusionista prima di compiere questa impresa assurda. Un fotografo ha rilasciato alcune dichiarazioni alla BBC in merito a quanto accaduto. “Gli ho parlato appena prima del suo numero. Mi ha detto che faceva tutto questo per risvegliare l’interesse per la magia, anche a costo della sua stessa vita”. Dopo alcuni minuti in cui il mago non riemergeva, sono state allertate le forze dell’ordine. Un rappresentante delle autorità locali ha fatto sapere però che fino a quando il corpo di Chanchal Lahiri non verrà trovato, lo stesso Chachal non potrà essere dichiarato ufficialmente morto. E c’è chi è convinto che presto il seguace di Houdini tornerà a farsi vedere, vivo e vegeto.