Ha ucciso i suoi 5 figli, ma l’ex moglie lo difende: “Loro lo adoravano”

Dopo la condanna a morte di Timothy Jones, l’ex moglie del papà-killer prende le sue difese e chiede che sia graziato: ecco perché.

Un “mostro” secondo la giustizia, un padre amorevoli secondo la sua ex moglie. Oscilla tra questi due estremi la rappresentazione di Timothy Jones, il 37enne condannato a morte per l’omicidio dei suoi cinque figli. Ma dopo la sentenza definitiva, emessa la scorsa settimana, la legge farà inevitabilmente il suo corso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La difesa dell’ex moglie del papà-killer

Jones, 37 anni, è stato punito dalla giustizia della Carolina del Sud (Stati Uniti)per l’omicidio dei suoi cinque figli, brutalmente assassinati nell’ormai lontano 2014. Cinque creature di età compresa tra 1 e 8 anni. Non a caso il procuratore Rick Hubbard lo ha definito espressamente “un mostro”. La sua ex moglie Amber Kyzer, però, non la pensa così. E in ogni caso lo ha perdonato.

Per tale motivo Kyzer ha chiesto alla giuria del tribunale Usa di non condannarlo a morte e di risparmiargli la vita. “I miei figli lo adoravano – ha detto, prendendo la parola in aula prima della conclusione del processo – non ha mostrato alcuna pietà, ma se devo parlare a nome loro e non a nome mio, è questo quello che devo dire”. Questa sembrerebbe più un’aggravante che un’attenuante, ma tant’è.

I due erano separati e i figli erano stati affidati a Timothy in quanto percettore di un reddito più alto. Nel giorno della strage Jones uccise prima il figlio di 6 anni, poi gli altri quattro, strangolandoli, dopo di che si liberò dei loro cadaveri chiusi in sacchi della spazzatura scaricandoli su una collina. Una vicenda terribile che, com’è facile immaginare, sconvolse l’America intera. In ogni caso l’appello dell’ex moglie è caduto nel vuoto: la giuria ha impiegato meno di due ore per formulare il verdetto e condannare il papà-killer alla più severa delle pene.

EDS