Home News Frana a Morterone, situazione grave: “Rischia di saltare tutto”

Frana a Morterone, situazione grave: “Rischia di saltare tutto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:16
CONDIVIDI

Frana a Morterone, il comune più piccolo d’Italia, il sindaco spiega che la situazione è grave: “Arriva l’estate, rischia di saltare tutto”.

frana morterone
Frana Morterone (screenshot video)

Diversi massi di grosse dimensioni sono franati sulla Sp 63, la strada che collega Ballabio a Morterone, isolando da un lato il piccolo comune della provincia di Lecco. Il paese può essere raggiunto attraverso il passo Culmine di San Pietro. In ogni caso, la situazione viene ritenuta molto preoccupante. Morterone conta 31 abitanti, di cui 10 sono stabilmente residenti nel comune più piccolo d’Italia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La preoccupazione del sindaco di Morterone

Il piccolo borgo ai piedi del Resegone si estende in un territorio di 13,71 km quadrati, la sua densità abitativa è di 2,41 abitanti per km². Il suo primo cittadino, Antonella Invernizzi, ora lancia l’allarme in vista della stagione estiva: “Nessuno rimane bloccato, tutti a Morterone sono adeguatamente attrezzati. Preoccupa semmai che in pochi ora raggiungeranno Morterone, mettendo a rischio la stessa sussistenza di Morterone. Abbiamo programmato per la stagione estiva molte iniziative per richiamare quante più persone possibile, ma ora il programma rischia di saltare”.

“Non è colpa di nessuno, purtroppo è successo. Ma a Morterone siamo tosti, non ci siamo mai arresi e supereremo anche questa”, afferma ancora il primo cittadino rispetto a quanto accaduto. Angelo Valsecchi, responsabile del settore Viabilità della Provincia di Lecco, chiarisce che ci vorrà diverso tempo per ripristinare la viabilità e la situazione ordinaria: “L’intervento di messa in sicurezza e di ripristino di quel tratto della Ballabio-Morterone non è faccenda di pochi giorni. Bisogna valutare i danni, la stabilità, consolidare il versante da cui si è staccata la frana, sistemare la Sp 63. Cercheremo di accelerare e fare il più in fretta possibile, ma no, non sarà questione di poco”.