Home News Domus Aurea, fantastica scoperta: dopo duemila anni riemerge la Sala della Sfinge

Domus Aurea, fantastica scoperta: dopo duemila anni riemerge la Sala della Sfinge

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:47
CONDIVIDI
Domus Aurea, riemerge la Sala della Sfinge
Grande scoperta alla Domus Aurea, scoperta la ‘Sala della Sfinge’

Riemerge, a distanza di duemila anni nella Domus Aurea, la ‘Sala della Sfinge’, così chiamata per via di una statua che troneggia nel mezzo.

Una sensazionale scoperta archeologica è stata compiuta alla Domus Aurea. All’interno della maestosa villa fatta costruire dall’imperatore Nerone nel I sec. d.C., sono emersi i resti di una sala magnificamente affrescata e rimasta sotto terra per quasi duemila anni. Sui muri sono ben visibili le raffigurazioni di pantere e centauri rampanti, oltre che di animali acquatici. E nel mezzo della stanza fa bella mostra di se una sfinge su di un piedistallo. È stata chiamata proprio così, ‘Sala della Sfinge’, questa area già emersa qualche mese fa, sul finale del 2018. Ma solo ora la camera lussuosissima è tornata a mostrare tutto il suo splendore, come sarà già capitato in epoca romana. Il ritrovamento di questa area all’interno della Domus Aurea è avvenuto per caso. Tutto merito di un ponteggio installato allo scopo di restaurare la volta di una stanza vicina.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Domus Aurea, la Sala della Sfinge è magnifica

Il funzionario responsabile della villa neroniana, tra i monumenti più belli di età romana presenti nella Capitale, fa sapere che fu notata una grossa apertura all’imposta nord della copertura della stanza. Le luci artificiali hanno contribuito a far intuire che una sala del tutto nascosta aspettava di essere riscoperta. Ma l’entusiasmo iniziale ha dovuto necessariamente cedere il passo alla messa in sicurezza. La Sala della Sfinge è completamente affrescata, ma una vasta parte della stessa è rimasta interrata. Si è dovuti pensare alla stabilità dell’area. I lavori di abbellimento vennero effettuati molto probabilmente alla cosiddetta Bottega A, un consorzio artistico operante tra il 65 ed il 68 d.C., e presenta un fondo bianco con figure incastonate in riquadri color rosso e giallo oro.

L’effetto artistico notevole già duemila anni fa

Colpiscono in particolari le raffigurazioni del dio silvano Pan, di una pantera che combatte contro un uomo armato e diverse altre creature fantastiche. Ma anche i dipinti della natura sono notevolissimi, con foglie, fiori e frutta, oltre che uccelli, riportati con una maestria assoluta dagli artisti dell’epoca. La Sala della Sfinge colpisce anche per la bassa luminosità che probabilmente aveva anche all’epoca. E che, con le luci soffuse delle lanterne, doveva restituire un effetto mozzafiato con tutti quegli stupendi affreschi.