CONDIVIDI

Classe 1951, si è spento oggi all’età di 67 anni Massimo Bordin: addio alla voce storica di Radio Radicale, direttore per un ventennio.

Massimo Bordin
Massimo Bordin (CC-BY-SA-2.5)

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa oggi di Massimo Bordin, voce storica di Radio Radicale, emittente radiofonica libera dedicata alla politica, di cui è stato direttore tra il 1991 e il 2010. Nell’ultimo periodo, ha curato dal lunedì al venerdì Stampa e Regime, la rassegna stampa dedicata ai temi politici della giornata. Si tratta di una trasmissione che ha avuto un certo successo ed è andata anche in onda su RED Tv.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La carriera di Massimo Bordin a Radio Radicale

La morte di Massimo Bordin, che da giovane ha aderito alla IV Internazionale ed è stato per anni un convinto trotskista, arriva in un momento storico particolare per Radio Radicale, che ancora una volta – come spesso in passato – è ora a rischio chiusura. Il giornalista lasciò la direzione di Radio Radicale, per insanabili divergenze con il suo editore di riferimento, Marco Pannella.

Questo però non significò lasciare l’emittente radiofonica, con la quale ha continuato a collaborare, divenendo interlocutore proprio di Marco Pannella nella conversazione domenicale con il leader radicale. Tra le sue ultime trasmissioni prodotte per Radio Radicale, ci sono la rubrica Mediorientale con la ex deputata del Popolo della Libertà Fiamma Nirenstein, lo Speciale Giustizia e la rubrica dall’America a cura di Giovanna Pajetta. Sono molti i premi vinti per il suo impegno giornalistico negli anni.