Home News Live non è la D’Urso, Marco Carta risponde a Mahmood: “Non è...

Live non è la D’Urso, Marco Carta risponde a Mahmood: “Non è coerente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:35
CONDIVIDI
"Non è coerente"
(Screenshot Video)

Ospite di Barbara D’Urso nel suo nuovo programma, Marco Carta è tornato a parlare del suo orientamento sessuale ed ha risposto alle critiche di Mahmood riguardo la decisione di confessarlo in televisione.

Nel corso dell’ultima puntata di ‘Non è la D’Urso‘ la conduttrice ha voluto esprimere nuovamente il proprio supporto ai diritti degli omosessuali, in seguito alle polemiche nate dal congresso sulle famiglie a Verona. Invitato ad esprimere la propria opinione sulla tematica c’era Marco Carta, cantante che proprio in diretta dalla D’Urso ha confessato di essere omosessuale.

Barbarella ha ribadito la propria posizione di attivista per i diritti degli omosessuali e nel farlo ha tirato in ballo le dichiarazioni di Mahmood, il quale aveva giudicato “imbarazzante” il coming out televisivo: “Ovviamente sapevo delle parole di Mahmood, che peraltro è un artista che mi piace tantissimo. Io vengo quotidianamente fermata da tantissimi ragazzi che mi ringraziano per quello che faccio, perché ci sono alcune famiglie in alcuni paesi sperduti, lontani o anche in città, che ancora non riescono ad accettare i gay o le ragazze lesbiche”, quindi ha aggiunto che non smetterà di offrire il proprio aiuto a chi ha voglia di portare la propria esperienza nel suo studio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Marco Carta attacca Mahmood: “Non è coerente”

La critica del vincitore di Sanremo era riferita alla scelta di Marco Carta di annunciare in quel modo il proprio orientamento sessuale, motivo per cui il cantante si è sentito in obbligo di rispondere direttamente al collega dicendo: “Io ho letto queste illazioni, ognuno la pensa come vuole”, dice in prima istanza Carta che poi però lo accusa di incoerenza: “Però io sono andato a pescare un articolo di lui di un anno prima dove dice ‘l’outing va sempre fatto, in qualsiasi modo e in qualsiasi forma, l’importante è dirlo perché dirlo è un bene’. È un po’ una contraddizione, non è coerente”.