Inchiesta ospedale San Martino: sale a 2.300 il numero degli indagati

Sale a 2.300 il numero degli indagatiContinua l’indagine dei Nas sulle analisi del sangue effettuate al laboratorio dell’ospedale San Martino: il numero degli indagati è salito a 2.300.

Grazie ad alcuni esposti presentati ai Carabinieri nel 2017 si è venuti a conoscenza di un sistema collaudato per evitare ad amici e parenti di pagare il ticket ospedaliero per le anali del sangue in laboratorio. Secondo quanto riportato dal ‘Secolo XIX‘, infatti, i dipendenti dell’ospedale inserivano nel sistema informatico dell’ospedale l’amico o parente di turno come se fosse ricoverato in ospedale, dunque, tale espediente permetteva di richiedere un’analisi senza il pagamento del ticket previsto.

Lo stesso anno la situazione è stata vagliata dalla Corte dei Conti che ha condannato 37 dipendenti dell’ospedale a pagare un risarcimento di  96 mila euro. La vicenda sembrava conclusa con quella sentenza, ma l’indagine dei Nas è continuata fino ad oggi portando a circa 600 i dipendenti coinvolti nel sistema e a 2.300 gli indagati per frode ai danni del sistema sanitario nazionale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Inchiesta ospedale San Martino, indignato l’assessore alla sanità

Secondo quanto riportato dal ‘Secolo XIX’, l’assessore alla sanità Sonia Viale non era a conoscenza dell’indagine prima che il quotidiano pubblicasse i risultati dell’inchiesta a riguardo. La responsabile della sanità del comune di Genova spiega di aver chiesto alla dirigenza dell’ospedale una relazione dettagliata sull’accaduto per avviare i dovuti provvedimenti, quindi si è detta indignata dall’atteggiamento di queste persone: “La cosa più grave è che si parla di un sistema lesivo della sanità pubblica che è un valore prezioso per tutti: si avvantaggiava chi avrebbe potuto pagare senza problemi, a discapito di chi è in situazioni di basso reddito e ha già diritto alla gratuità degli esami”. I 2.300 indagati sono accusati a vario titolo, si va dal falso all’accesso abusivo al sistema informatico fino alla truffa ai danni dello Stato.

Sciarretta Massimiliano