Home Meteo Meteo, cambia tutto: sciabolata gelida e crollo delle temperature

Meteo, cambia tutto: sciabolata gelida e crollo delle temperature

CONDIVIDI

meteo febbraio

Previsioni meteo fine febbraio 2019: arriva il freddo con crollo delle temperature e maltempo al sud

Con l’ampio soleggiamento di questi giorni e le temperature miti ci eravamo quasi dimenticati di essere ancora in inverno, tanto che eravamo pronti a immergerci già nella primavera. Ma l’inverno invece è tutt’altro che finito e proprio in questo prossimo weekend è pronto a mostrare i suoi muscoli. Con un gelido colpo di coda invernale crolleranno così i termometri e tornerà il maltempo al Sud. Si rivedrà la neve sui rilievi e sono previste precipitazioni in molte regioni. Sarà però, come detto, solo un colpo di coda che durerà quindi appena pochi giorni dopo di ché il bel tempo tornerà a splendere sull’Italia.

Febbraio è stato molto clemente dal punto di vista meteo. Da Nord a Sud l’Italia infatti è da parecchi giorni sotto la protezione dell’Alta Pressione la quale garantisce tempo stabile e soleggiato. Le temperature sono salite a valori ben più alti della media del periodo con punte di 18 gradi di massima tipiche della stagione primaverile, sebbene al Nord e al Centro le minime si sono mantenute su valori piuttosto bassi. In ogni caso siamo pur sempre a febbraio e l’Alta Pressione non è ancora stabile sul Mediterraneo. Il suo spostamento verso il Nord Europa permetterà alle correnti gelide siberiane provenienti dalla Russia di giungere fino a noi portando l’Italia a un generale raffreddamento.

Leggi anche -> Meteo Estate 2019: le previsioni sul caldo per la prossima stagione

Meteo, torna il gelo a febbraio: temperature glaciali

L’anticipo di primavera che l’Italia si sta godendo sta per finire in maniera piuttosto brusca. Infatti se ancora per la giornata di oggi il clima sarà piacevole ovunque, già da domani pomeriggio qualcosa cambierà. Nella giornata del 22 febbraio l’Alta Pressione inizierà a muoversi verso il Centro Europa permettendo man mano che si sposta l’ingresso sul nostro Paese di aria fredda dalla Siberia. Venti freddi inizieranno a soffiare fra pomeriggio e sera sulle regioni del Basso Tirreno e dell’Adriatico e si assisterà ad un graduale peggioramento.

Nel corso di sabato 23 febbraio il freddo dilagherà sull’Italia facendo abbassare notevolmente anche di 7/8 gradi le temperature. Al Nord e al Centro la contrazione maggiore sarà sui valori massimi, ma il freddo pungente si avvertirà anche la notte con minime che scenderanno sotto zero.  Al Nord -5 gradi a Trieste, – 3 a Bologna, – 2 a Venezia e Milano, 0 a Torino. Al Centro – 1 a Firenze e Roma, – 2 a Perugia; al Sud – 6 a L’Aquila, – 2 a Campobasso, 0 a Napoli, 2 Bari e 4 a Cosenza. Decisamente più tiepida la situazione a Palermo con minima di 9 gradi. La massime saranno intorno ai 7/8 gradi al Nord, 8/10 al Centro e 10/12 al Sud ad esclusione de l’Aquila con appena 4 gradi di massima e Potenza con 0 gradi di massima.

Assieme al freddo tornerà anche il maltempo che riguarderà però soprattutto il Sud dove sono attese nevicate sui rilievi del Basso Adriatico, sulla Basilicata, il Molise e sulla Calabria anche in pianura. Neve anche in Sicilia nella zona centro orientale a quote molto basse. Piogge sulla Puglia, Calabria ionica e Sicilia Sud Orientale. Soleggiato invece sul resto della Penisola.