CONDIVIDI

Vittoria Belvedere, i ricordi d’infanzia della nota attrice ospite della trasmissione di Raiuno ‘Vieni da me’, condotta da Caterina Balivo.

Vittoria Belvedere
(screenshot video)

Vittoria Belvedere si racconta oggi pomeriggio a ‘Vieni da me’: “D’inverno in Brianza non si poteva uscire, si restava tra amiche sul pianerottolo. Le mamme non volevano che uscissimo. Ho fatto un po’ da mamma a mio fratello minore”, ha spiegato parlando della sua infanzia. Quindi sui suoi genitori: “Mio padre mi ha insegnato a non fare il passo più lungo della gamba. I miei venivano da famiglie numerose. Quando ho fatto ‘Piazza di Spagna’ mia madre era orgogliosa di me”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vittoria Belvedere: dal rapporto col marito alla malattia

L’attrice spiega di essere molto legata al Marocco: “Grazie a questo Paese ho ‘ritrovato’ mio marito. Lui era diventato un po’ troppo mammo per Lorenzo e non se ne rendeva conto. Volevo lasciarlo, lui pensava che io avevo un altro uomo e chiama mamma per spiegarle che cosa gli avevo detto”. Il marito a quel punto parte per il Paese africano e c’è stato un ricongiungimento tra loro due: “Abbiamo riscoperto l’amore”. Dal loro matrimonio sono ora nati tre figli, di 18, 14 e 8 anni.

Quindi Vittoria Belvedere si è soffermata sulla sua partecipazione a Sanremo nel 2002 al fianco di Pippo Baudo: “Io nemmeno volevo farlo quel festival, ero in crisi perché avevo appena compiuto trent’anni”. L’altra valletta di quell’anno era Manuela Arcuri:”Eravamo la coppia perfetta”. Dopo la nascita di Lorenzo, l’attrice ha anche scoperto di essere ipotiroidea e il morbo di Basedow, una sindrome caratterizzata anche da gozzo, talora da oftalmopatia (orbitopatia) e più raramente da mixedema pretibiale. “Dopo la nascita di Emma, ero sul set e mi è esplosa la tiroide”, ha raccontato ancora Vittoria Belvedere, che ha subito un’operazione d’urgenza, ma adesso ha pienamente recuperato, sebbene sia costretta a vivere senza tiroide.