Ciro Ricci operato al cuore: paura per il cantante neomelodico

(Websource / archivio)

Il cantante neomelodico Ciro Ricci, colpito da un malore durante un momento di svago, è stato operato d’urgenza e fortunatamente è riuscito a evitare conseguenze ben più gravi.  

Si stava godendo la partita di campionato Fiorentina-Napoli, ma l’emozione per le performance dei giocatori in campo gli è costata molto cara. A un certo punto Ciro Rigione (per tutti Ciro Ricci) ha avvertito un malore che si è poi rivelato essere un infarto. La gravità della situazione è apparsa subito chiara situazione: il cantante neomelodico napoletano è stato quindi trasferito in ospedale, dove ha subito un’operazione chirurgica d’urgenza al cuore.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il racconto di una “botta pazzesca”

È lo stesso artista che a raccontare durante la trasmissione “La Radiazza” di Radio Marte la sua disavventura. “Guardavo Fiorentina-Napoli – ha spiegato Ciro Ricci – e ho sentito prima dolori e poi una botta pazzesca. Alle 22 ero in sala operatoria. Sto meglio, i medici mi hanno detto che posso riprendere la mia attività, ma devo stare attento all’alimentazione”. La paura è stata tanta e dopo un’operazione così delicata – nello specifico, un intervento chirurgico al cuore per un trombo a una arteria coronarica – la parola d’ordine è precauzione. “I medici mi hanno detto che posso riprendere la mia attività, devo solo condurre una vita più tranquilla e stare attento all’alimentazione”, ha aggiunto.

Il cantante, attivo a Napoli da molti anni, è noto soprattutto per aver interpretato il brano “Chillo va pazzo pe te”, colonna sonora del film “Pianese Nunzio 14 anni a maggio”, presentato nei più importanti festival del cinema e al quale ha in qualche modo legato la sua fama. Un episodio analogo aveva visto protagonista qualche mese fa Carmelo Zappulla, 63 anni, ricoverato in terapia a Castel Volturno per un infarto intestinale. In entrambi i casi i fan non hanno mancato di far sentire, cui social e non solo, tutta la loro vicinanza e il loro affetto.

EDS