CONDIVIDI

Sangue sulle strade di Treviso, la 18enne Jessica Dell’Innocenti si è schiantata con l’auto contro una colonnina del gas: è morta sul colpo, ma non si esclude il suicidio

Sangue sulle strade, sangue nel weekend. Ma stavolta non c’entrano serate in discoteca finite male, di una rissa sfociata in tragedia per una pasticca o per uno sguardo di troppo. Questa storia è quella di una fatalità, di un incidente. O forse è quella di un dramma interiore, di frustrazione, di depressione. Dovranno accertarlo gli investigatori, che da ieri sono al lavoro dopo l’incidente mortale che ha visto coinvolta Jessica Dell’Innocenti. Lei aveva 18 anni appena. E’ deceduta sul colpo dopo essersi schiantata a bordo della sua auto, in provincia di Treviso. Un incidente? Forse. Ma ci sono troppi elementi che tengono aperte altre piste. E le forze dell’ordine non escludono affatto che si possa essere trattato di un gesto volontario. Un tentato suicidio che, purtroppo, sarebbe riuscito.

Leggi anche -> Giulia muore a 19 anni cadendo da un ponte, la madre non crede sia un suicidio

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Treviso, 18enne si schianta contro la colonnina del gas e muore sul colpo: gli investigatori non escludono l’ipotesi suicidio

Jessica Dell’Innocenti era una ragazza di 18 anni. Nelle foto che postava sui propri profili social si mostrava sempre sorridente, allegra, con la spensieratezza tipica della sua età. Venerdì 8 febbraio, poco dopo le 19, era uscita dalla sua abitazione a San Biagio. Siamo in Veneto, in provincia di Treviso. Poco dopo, in via Spercenigo all’altezza di Mignagola di Carbonera, la Fiat Punto che guidava si è schiantata contro una colonnina del gas. Jessica è morta praticamente sul colpo. Sul posto, dopo la segnalazione di un passante, sono arrivati vigili del fuoco, polizia stradale e sanitari del 118. Per la ragazza, però, non c’era più niente da fare. Secondo i primi rilievi degli investigatori, l’auto sarebbe improvvisamente uscita fuori strada. Improvvisamente vuol dire velocemente, inaspettatamente. Ecco perché non si esclude una sterzata volontaria. E non è fantasia. Sentita dalle forze dell’ordine, la cugina di Jessica avrebbe reso una testimonianza agghiacciante: la 18enne, uscendo di casa, le avrebbe confessato di volersi togliere la vita. Per ora restano il dolore, le lacrime, il dramma. Ma le indagini dovranno necessariamente far luce su questa vicenda.