Home News Vetro nel succo di frutta, ritirati diversi lotti: le indicazioni del Ministero...

Vetro nel succo di frutta, ritirati diversi lotti: le indicazioni del Ministero – FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:35
CONDIVIDI
vetro succo di frutta
Vetro nel succo di frutta, diversi lotti ritirati dal mercato (websource/archivio)

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro dal mercato di una marca di succo di frutta per la presenza di scheggie di vetro all’interno.

Alcuni pezzi di vetro sono stati trovati in alcuni lotti di succo di frutta. Il Ministero della Salute ha subito diffuso una nota ufficiale in merito sul proprio sito web istituzionale. Qui è possibile reperire tutte le informazioni necessarie. Il prodotto incriminato sta subendo già il ritiro dal mercato, come la prassi vuole in casi controversi come questo, nei quali degli alimenti sono soggetti ad edulcorazione o ad alterazioni pericolose per la salute. Il succo di frutta incriminato è nello specifico quello a marchio Fruttissima, al gusto Ace. Il Piano di Autocontrollo HACCP aveva già portato all’emergere di gravi irregolarità per la presenza eventuale di piccole schegge di vetro all’interno di alcune confezioni. Non si sa come ci siano finite dentro e su questo aspetto si indagherà. Il lotto sotto accusa in particolare è quello LA194 da 200 ml, con data di scadenza indicata in ottobre 2019.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vetro nel succo di frutta, le indicazioni del Ministero della Salute

‘Fruttissima’ produce il suo succo di frutta grazie alla società ‘Conserve Italia’, che ha sede a San Lazzaro si Savena a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna. Tutto è nato grazie alla segnalazione di un individuo che aveva acquistato il succo di frutta in questione. Subito dopo infatti lo stesso aveva fatto l’amara scoperta. Con tutta probabilità in giro ci sono anche altre confezioni manomesse. Il Ministero della Salute ha raccomandato in questi casi di controllare accuratamente, qualora in casa propria ci sia il prodotto incriminato. In tal caso è possibile restituire il tutto al punto vendita in cui la bevanda è stata acquistata, dietro presentazione dell’apposito scontrino di spesa.