Home News Medjugorje: scienziato agnostico si converte: “Una corrente mi ha attraversato il corpo”

Medjugorje: scienziato agnostico si converte: “Una corrente mi ha attraversato il corpo”

CONDIVIDI
Il santuario verrà ampliato
(Getty images)

Un ingegnere portoghese, ricercatore scientifico per l’università di Lisbona, ha raccontato la propria esperienza a Medjugorje, spiegando come abbia ottenuto la fede.

Da oltre 30 anni il piccolo paesino bosniaco di Medjugorje fa notizia per via delle presunte apparizioni della Madonna. Quando i veggenti hanno condiviso con gli altri le loro visioni si è scatenato un grande interesse mediatico e per appurare che quei ragazzi non mentissero sono stati fatti studi scientifici che ne dimostrassero lo stato di trance durante le apparizioni.

Sebbene gli esami svolti mostrassero che i ragazzi non recitavano, ci sono voluti decenni prima che la Chiesa Cattolica ultimasse il proprio lavoro d’indagine sui fenomeni di Medjugorje. Lo scorso anno la commissione incaricata di giudicare la veridicità del fenomeno ha concluso che le prime sette apparizioni furono autentiche, ma ha sollevato qualche dubbio su quelle successive che si ripetono da oltre 30 anni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Medjugorje, le continue conversioni: la testimonianza di uno scienziato agnostico convertitosi

Quello che accade a Medjugorje rimane tutt’ora un mistero, anche per il Vaticano. Ciò che è indubbio è che ogni anno migliaia di persone che giungono in pellegrinaggio nel paese bosniaco subiscano un cambiamento radicale, evidenza che è stata sottolineata anche dal visitatore apostolico voluto da papa Francesco, monsignor Hoser. In molti hanno ritrovato la fede affievolitasi da tempo, altri l’hanno addirittura scoperta. A quest’ultima categoria appartiene anche l’ingegnere biotecnico portoghese João Carlos Da Silva.

L’uomo si era recato in pellegrinaggio in Bosnia per accompagnare la moglie e le figlie. La donna aveva subito un collasso nervoso e desiderava andare a Medjugorje per ritrovare la pace interiore. Lui, agnostico e distante dalla Chiesa ormai da anni, era interessato ai sistemi di coltura (a Medjugorje ci sono spesso temperature così rigide da far seccare il terreno), ma una volta lì ha avuto una sensazione di sorpresa. Milioni di persone pregavano, recitavano il rosario e intonavano lodi al Signore sotto il sole cocente, nonostante ci fossero 40°.

Tornato in camera condivise le proprie sensazioni con la moglie e le figlie, le quali gli fecero mettere per iscritto l’intenzione di ricevere il perdono dei peccati da Dio. Il giorno seguente João andò sulla collina delle apparizioni per la presunta apparizione per i non credenti e lì sperimentò una un’esperienza che gli ha cambiato la vita: “Sono stato assorbito da una brezza fresca e contemporaneamente tutte le cellule del mio corpo, dai piedi alla testa, sono state attraversate da qualcosa di simile a una corrente elettrica. Questo fenomeno durò alcuni secondi”. Dopo aver condiviso con la famiglia quanto provato ed aver scoperto che nessuno a parte lui aveva percepito quella sensazione, lo scienziato agnostico decise di andarsi a confessare. Da quel momento in poi è cominciata la sua conversione, ed oggi João è diventato un convinto cattolico.