CONDIVIDI
emanuela orlandi mirella gregori
Le ossa ritrovate non sarebbero di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori

Le ossa ritrovate nel palazzo della Nunziatura Apostolica a fine ottobre non sarebbero di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori.

Da quasi un mese sono tornati alla ribalta i casi relativi alla scomparsa di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori. Il ritrovamento di ossa umane in un palazzo della Nunziatura Apostolica a Roma, a prima vista degli esperti appartenenti ad una donna (c’è uno scheletro quasi completo e poi alcuni resti sparsi appartenenti ad un’altra persona) ha contribuito a riportare sotto i riflettori queste vicende che tengono banco ormai dal lontano 1983. Per ottenere risposte certe bisognerà aspettare il prossimo 30 novembre, giorno in cui cominceranno i test del dna su questi resti. La datazione al Carbonio 14 consentirà di stabilire con precisione l’epoca a cui risalgono. Intanto della vicenda tornerà a parlare questa sera ‘Chi l’ha Visto’.

LEGGI ANCHE –> Federica Sciarelli torna sui casi Emanuela Orlandi e Mirella Gregori

Emanuela Orlandi, inquirenti scettici: “Non si tratta né di lei né di Mirella Gregori”

Ma gli inquirenti già ora si dimostrano scettici, nonostante la procura abbia aperto una inchiesta con l’ipotesi di reato verso ignoti. Il motivo per il quale ci sarebbe pessimismo risiede nel fatto che quelle ossa sarebbero troppo vecchie per come si presentano, e che quindi probabilmente, stando ad una osservazione ravvicinata da parte degli esperti, dovrebbero risalire a prima degli anni ’80. Ma si tratta soltanto di supposizioni. La verità verrà a galla soltanto dopo il test del dna.

LEGGI ANCHE –> Chi l’Ha Visto, anticipazioni 21 novembre: Emanuela Orlandi e Mirella Gregori in primo piano

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News