CONDIVIDI
piscina
(Archivio)

Bimbo morto in piscina a Nuoro, indagati i genitori. 

Ci sono sviluppi in merito all’indagine sulla morte del piccolo Richard Mulas, il bambino di 7 anni annegato e morto nella piscina di un hotel di Orosei, nel nuorese, in Sardegna. La notizia è che i genitori del bambino e i gestori dell’impianto risultano essere tutti indagati per quanto accaduto.

Leggi anche –> Richard, morto risucchiato dal bocchettone della piscina: si indaga per omicidio colposo

Quattro indagati per la morte del piccolo Richard

L’iscrizione nel registro degli indagati dei genitori del bambino e dei gestori dell’impianto che è condiviso da due residence, Gli Ulivi e il Rifugio, è un atto dovuto affinché i magistrati possano procedere con l’autopsia sul corpo del povero bambino. Il piccolo era entrato in piscina da solo mentre la madre era al lavoro proprio nel residenze in cui è avvenuto il dramma. In base alla ricostruzione degli inquirenti poco dopo il tuffo il bambino di 7 anni era rimasto incastrato con la mano nel bocchettone di scarico che si trova in fondo alla vasca. Il primo ad accorgersi del dramma in atto è stato un ospite del residence che però non è riuscito a salvare il bambino. Bisogna ancora capire perché il piccolo si sia tuffato e perchè sia andato sul fondo della vasca. Forse stava cercando di recuperare un gioco o una palla caduta in piscina.

Leggi tutte le nostre notizie anche su Google News