CONDIVIDI
Luciano Tarlao
Luciano Tarlao

Sangue nel giorno del Palio Di Siena, arrestato l’ex fantino Luciano Tarlao: accusa di omicidio, avrebbe ucciso il suo coinquilino.

Nel giorno in cui al Palio di Siena 2018 si corre il cosiddetto Palio dell’Assunta, vinto dalla Lupa, la storica corsa di cavalli che si svolge nella città toscana è sconvolta da un drammatico fatto di sangue, che ha coinvolto uno dei suoi protagonisti in anni passati. Si tratta di Luciano Tarlao detto il Polacco che è stato arrestato a Trieste con l’accusa di omicidio. L’uomo, classe 1928, per quattro volte, a cavallo tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta corse come fantino al mitico Palio.

L’omicidio di Mauro Vazzano a opera dell’ex fantino Luciano Tarlao

Ora per lui l’accusa è terribile: avrebbe ucciso Mauro Vazzano, 43 anni, che proprio con Tarlao condivideva l’appartamento in via Santi 7 a Gretta, frazione di Trieste. La vittima sarebbe stata colpita da diverse coltellate che non gli hanno lasciato scampo. L’omicidio risalirebbe allo scorso 8 agosto, ma solo nelle scorse ore si è fatta l’agghiacciante scoperta. Il corpo di Vazzano aveva segni di coltellate al petto e alla gola e giaceva supino con addosso solo biancheria intima. Sarebbe stato colpito nel sonno.

Secondo le testimonianze dei vicini, la sera dell’omicidio tra i due ci sarebbe stata una violenta lite. Luciano Tarlao, che in questi giorni è sempre rimasto sul luogo dell’omicidio, spostandosi solo in una stanza adiacente, il giorno del delitto o quello successivo avrebbe acquistato medicinali per curare una profonda ferita alla mano sinistra. Ad attirare le forze dell’ordine verso l’appartamento, l’allarme dei Vigili del fuoco, chiamati sul posto da altri condomini a causa dell’odore nauseabondo. Ignoto il movente che ha armato la mano dell’ex fantino, che peraltro è ormai novantenne.