CONDIVIDI
Terni, neonato morto e abbandonato: arrestata la madre di 27 anni
(Screenshot Video)

Svolta nel caso del neonato trovato morto all’interno di una busta di plastica abbandonata in strada a Terni, gli investigatori infatti hanno arrestato la madre con accusa di omicidio.

Secondo quanto riportato da ‘Il Messaggero‘ gli investigatori della Polizia di Terni hanno arrestato una ragazza di 27 anni che ritengono sia la madre del piccolo abbandonato e successivamente morto di fronte all’Eurospin di via Ponte le Cave giovedì sera. La notizia del tragico ritrovamento era stata divulgata ieri notte dalle agenzia di stampa locali. A trovare il corpo senza vita del piccolo è stata una donna che in quel momento si stava recando a fare la spesa: secondo quanto riferito dalla testimone, mentre si avvicinava al supermercato si è accorta che di fronte all’ingresso c’era una busta di plastica, incuriosita si è avvinata ed ha controllato il contenuto scoprendo, suo malgrado, che c’era un bambino appena nato, ricoperto di placenta e con il cordone ombelicale ancora attaccato.

Leggi anche -> Terni, neonato trovato morto nel parcheggio di un supermercato

Terni, neonato morto e abbandonato: arrestata la madre

Dopo aver effettuato la terribile scoperta, la donna ha chiamato immediatamente i soccorsi con la speranza di riuscire a salvare la vita al piccolo. Purtroppo, però, all’arrivo dei soccorsi il neonato era già morto e ne hanno potuto dichiarare solamente il decesso. Gli investigatori giunti sul luogo del delitto, hanno interrogato la donna ed alcuni dei presenti in zona, in queste ore, dalle loro testimonianze, è emerso che a lasciare la busta era stata una ragazza di 27 anni che abitava in zona. Oggi la polizia ha eseguito il mandato di arresto con accusa di omicidio ai danni della ragazza che si trova adesso in stato di fermo alla centrale di Polizia. Gli indizi a carico della giovane (già madre di una bambina di 3 anni) sono tali da far ritenere certa la sua colpevolezza (probabilmente verrà confermata con un test del dna), l’unico dubbio che rimane è se il piccolo fosse ancora vivo quando è stato abbandonato, dubbio che verrà sciolto nel corso dell’autopsia.