CONDIVIDI
Agente della Polfer spara ad un migrante, aveva ferito il collega
(Websource)

Dopo che il giovane migrante si è scagliato contro un agente della Polfer, ferendolo al braccio con un forchettone, un altro agente ha estratto la pistola e gli ha sparato ad una gamba.

Ieri sera un ragazzo somalo di 20 anni ha perso la testa ed ha aggredito un agente della Polizia Ferroviaria che gli aveva chiesto i documenti alla stazione Porta Nuova di Torino. L’aggressione ai danni del collega ha fatto reagire istintivamente l’altro agente che, dopo aver estratto la pistola dalla fondina, ha fatto fuoco contro il migrante ferendolo ad una gamba. Dopo l’accaduto è intervenuto il personale del 118 che si è occupato di medicare i feriti e portarli in ospedale, nessuno dei due è in pericolo di vita.

Leggi anche -> Aggressione in ospedale, paziente colpisce medico con un paio di forbici

Agente spara a migrante: la ricostruzione dell’accaduto

Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine e dai testimoni presenti in zona, i due agenti (un sovrintendente e un agente semplice) stavano lasciando la stazione di Porta Nuova per fare ritorno a casa. Erano all’incirca le 20:30 quando i due poliziotti si sono imbattuti sul giovane che sostava sulle scale e gli hanno intimato di andarsene. Secondo il racconto il ventenne somalo avrebbe detto loro di non volersi muovere e a questo punto gli agenti gli avrebbero chiesto i documenti.

Il giovane ha cominciato a dare in escandescenza, urlando e brandendo un forchettone che aveva in tasca, quindi si è scagliato contro un agente colpendolo ad un braccio e generando la pronta risposta del collega che lo ha colpito con un proiettile al fianco per difendere se stesso e l’altro agente. Immobilizzato il migrante, l’agente ha chiamato l’ambulanza: l’agente ferito è stato portato all’ospedale Mauriziano dove è stato medicato e gli è stato detto che le ferite guariranno in 5 giorni, il migrante è stato invece portato al Molinette dove rimarrà un po’ più a lungo: il proiettile è entrato dal fianco ed è uscito dalla coscia, ma non ha colpito punti vitali.

Leggi anche -> Dentista denuncia aggressione della moglie, è bufera: Sei razzista