CONDIVIDI
Carabinieri (Pixabay)

Il corpo del 17enne scoparso giovedì scorso è stato ritrovato in un corso d’acqua a Verona.

Il 17enne olandese di cui era stata denunciata la scomparsa giovedì scorso è stato ritrovato senza vita in un canale del Veronese, fra Pacengo e Castelnuovo di Garda. La scomparsa è avvenuta quattro giorni fa quando il giovane Koen van Keulen, uscito con degli amici, non ha più fatto rientro al camping in cui alloggiava per una vacanza con la famiglia. Il ragazzo era in Italia con la famiglia al campeggio Eurocamping di Pacengo e quella sera era uscito con degli amici ma i suoi genitori, non vedendolo rientrare, hanno allertato le autorità. Il minore era uscito con altri 4 amici e dopo la serata fuori aveva preso con loro il bus navetta che faceva il giro dei campeggi della zona per riportare gli ospiti a casa.

Leggi anche —> Bimbo di 3 anni dimenticato nello scuolabus della gita, muore dopo ore sotto al sole

Il 17enne non è sceso dall’autobus con gli amici e non è più rientrato nel camping

I famigliari hanno riconosciuto il corpo del 17enne Koen van Keulen, olandese in vacanza nel Veronese, che era tragicamente scomparso da giovedì scorso. Il ragazzo olandese, dopo una serata con i suoi 4 amici, sarebbe dovuto rientrare nel camping dove i suoi genitori lo stavano aspettando ma non è più rientrato all’Eurocamping di Placengo. Gli amici di Koen hanno riferito alle autorià che una volta arrivato il momento di scendere la navetta il 17enne ha preferito proseguire la corsa con altri conoscenti, suoi connazionali, che come loro stavano rientrando nei rispettivi alloggi, sempre in zona. I 4 sono scesi, quindi, lasciando il ragazzo di 17 anni sul bus e da allora di lui si è persa ogni traccia. Alle chiamate dei genitori il suo cellulare Koen è risultato irraggiungibile ed ai controlli dei carabinieri non è risultato alcun utilizzo della carta di credito da parte del giovane olandese. Le ricerche hanno dato il loro amaro frutto solo quando il corpo di Koen è stato ritrovato esanime a circa 5km dal primo avvistamento. Le indagini per determinare le cause della morte sono ora in corso ma al momento le ipotesi più accreditate propenderebbero per l’incidente. Il ragazzo potrebbe aver avuto un malore ed essere caduto in acqua oppure potrebbe essere scivolato dopo essere stato investito ma a fare chiarezza sulla vicenda sarà solo il risultato dell’autopsia sul corpo del giovane olandese.

Marta Colanera