CONDIVIDI
Lotto e SuperEnalotto (VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

Vincitore del Superenalotto a Castelvetrano, a Trapani, ma non ritira il premio. Il fortunato ha vinto 2,5 milioni di euro comprando un biglietto da 3 euro.

E’ caccia al vincitore che non ha ancora ritirato il premio di 2,5 milioni di euro. Il biglietto vincente è stato giocato a Castelvetrano (Trapani) il 28 aprile scorso. Il giocatore fortunato ha comprato il biglietto magico in un punto Sisal, sito in via Mazzini 118. La vincita ammonta a ben 2.570.400 euro ed è stata realizzata con un biglietto di soli 3 euro. Pare, però, che la vincita stellare non sia stata ancora ritirata e l’Ufficio Premi SISAL da conferma dell’incredibile mancanza da parte di un così fortunato giocatore. Il vincitore ha ancora 23 giorni di tempo per ritirare la sua vincita, scaduti i quali termineranno per lui le possibilità di ritiro. Il premio milionario, infatti, deve essere ritirato tassativamente entro 90 giorni a partire dal giorno successivo alla proclamazione dei numeri vincenti.

Leggi anche —> RISULTATI Estrazioni Lotto Live e Superenalotto 3 luglio: Quote e combinazioni

La combinazione vincente del Superenalotto ed il premio che il vincitore non ha ancora ritirato

L’ultimo giorno per poter ritirare la vincita è fissato per il 27 luglio e gli abitanti di Castelvetrano nel frattempo continuano ad aguzzare lo sguardo su tutto ciò che possa sembrare un biglietto. La vincita, infatti , è altissima e quei pochi, semplici numeri potrebbero davvero aver cambiato una vita.

Leggi anche —> Estrazioni del Lotto e SuperEnalotto di oggi 3 luglio DIRETTA: verifica e vincite 

Sul giocatore non vi è alcuna informazione al momento e questo non fa che aumentare la suspance per gli abitanti del comune. Quindi se, per caso, aveste qualche dubbio sui numeri vincenti ecco la combinazione del Superenalotto:
2, 25, 41, 42, 74, 87, Jolly 13, SuperStar 54
Dopotutto, il vincitore forse non ha ancora ritirato il premio perchè non si è reso conto di averlo vinto e può, quindi, valere la pena ridare un’occhiata.

Marta Colanera