CONDIVIDI

Tutto può succedere 3, una bufera sulla serie tv: ecco perchè… Torna stasera la terza stagione della serie condotta da Lucio Pellegrini e che ha fatto innamorare il pubblico italiano per la sua semplicità. Racconta infatti la vita di una numerosa famiglia con problematiche che vanno dall’infanzia all’anzianità. Si scontrano diverse generazioni con diverse possibilità interessanti che aiutano a riflettere affrontando argomenti tra i più disparati.

Tutto può succedere 3, una bufera sulla serie tv: ecco perchè…

La serie tv Tutto può succedere 3 è finita però letteralmente in una bufera. Con una scelta difficile da comprendere, come spesso capita alle televisioni a pagamento, sono state messe on demand tutte le puntate della terza stagione circa una settimana prima della messa in onda dell’inizio della serie su Rai Uno. Una scelta che è difficilmente comprensibile e che va totalmente contro l’interesse della Rai.

Il pubblico infatti avrebbe con una piccola maratona potuto vedere tutta la terza stagione ancor prima che questa fosse stata trasmessa in diretta su Rai Uno, potendosi godere il Mondiale in tutta tranquillità sulle reti concorrenti. Un clamoroso autogol nato già dall’idea di mandare una serie così importante in onda durante proprio lo svolgimento dei Mondiali di calcio nonostante l’assenza dell’Italia.

L’aggravante è quello di aver dato la possibilità a tutti di guardare la serie dall’inizio alla fine ancor prima che fosse iniziata la prima puntata. Dietro a questa scelta potrebbero esserci vari motivi, ma ci viene da riflettere su come i tempi siano estremamente cambiati in fatto di tv con l’ingresso di internet nella realtà in questione. Ci troviamo di fronte infatti alla perdita dell’appuntamento settimanale che i fan degli anni novanta hanno vissuto da protagonisti assoluti aspettando con ansia l’inizio di una nuova puntata. Mentre qualcuno è felice di potersi gestire più liberamente il tempo libero, altri invece si trovano di fronte a delle scelte molto diverse da compiere e che possono portare a rimpiangere come capita spesso il passato.