CONDIVIDI
Perde entrambi i genitori, Alice muore a 26 anni per il dolore
(Facebook)

Perde entrambi i genitori a causa di malattie incurabili, il dolore la fa chiudere in se stessa e poi la porta alla morte, Alice aveva solo 26 anni.

Quando si hanno appena 26 anni la vita dovrebbe essere ricca di divertimento e speranza nei confronti del futuro, si dovrebbe progettare la propria carriera, sognare la propria famiglia, ma ci sono casi in cui la quotidianità è talmente dura da schiacciare sogni e speranze ed indurti a vedere tutto scuro, privo di significato e prospettive. Alice Signorini, 26 anni, nativa di Legnano (Verona), tutto questo lo sapeva bene. Ragazza bellissima e con un futuro da scrivere (si era laureata lo scorso marzo), aveva subito il primo duro colpo quando il padre era scomparso nel novembre del 2015 a causa di una lunga malattia. Segnata dalla perdita ma convinta ad andare avanti si era tatuata la parola “Papà” in ricordo del genitore scomparso. Nel dicembre dello scorso anno è arrivato il secondo duro colpo, la madre è morta a causa di un cancro e da quel momento Alice non è riuscita più a trovare la forza ed è morta per cause naturali a soli 26 anni.

Suicidio Alice, la preoccupazione degli amici

Esattamente come dopo la morte del padre, anche in questo caso la ragazza veneta aveva provato ad esorcizzare il dolore tatuandosi la parola “Mamma” sull’altro avambraccio. Nell’ultimo periodo, però, il dolore aveva preso il sopravvento, nessuno degli amici che solitamente frequentava aveva sue notizie e questi, conoscendo il profondo dolore che provava da tempo, si sono preoccupati che potesse aver ceduto alla depressione. Per giorni hanno provato a chiamarle ma Alice non rispondeva più a chiamate e messaggi e questo li ha convinti ad avvertire la polizia della possibile tragedia. Purtroppo la loro sensazione era corretta: quando i Vigili del Fuoco hanno abbattuto la porta di casa l’hanno trovata priva di vita. Secondo quanto emerso dai giornali locali, la causa della morte è naturale, Alice, dunque, non ha provato a suicidarsi ma è stata schiacciata dal dolore.