CONDIVIDI

Calciatore uccide ex fidanzata, le amiche: “Dovevamo denunciarlo da tempo”. Una notizia sconvolge il nostro paese e non solo. Si tratta dell’ennesimo, terribile, caso di femminicidio che non deve assolutamente passare nell’anonimato, ma servirà fare attenzione per evitare di ritrovarsi di fronte ad altri casi. Si tratta di una 29enne di nome Elisa Amato che è stata sequestrata e poi uccisa da quello che era il suo ex fidanzato.

Calciatore uccide ex fidanzata, parlano le amiche

La situazione ha preso tutte le prime pagine del nostro paese anche perché ci troviamo di fronte a un personaggio noto. L’ex fidanzato era Federico Zini, calciatore che militava nel TuttoCuoio. L’uomo ha portato la ragazza nel pratese dove l’ha uccisa e poi si è tolto la vita. Una situazione davvero tragica che ha portato al chiusura per lutto del negozio di Firenze dove la ragazza lavorava.  La notizia è arrivata anche alle sue amiche e colleghe che hanno sottolineato come avrebbero dovuto denunciare precedentemente il ragazzo, perché questi la tormentava ormai da molto tempo. La ricostruzione degli investigatori fornisce anche nuovi dettagli. Tra questi il fatto che Zini avrebbe ucciso la ragazza a Prato per poi andare a San Miniato dove si sarebbe solo successivamente tolto la vita.

E’ una tragedia incredibile e aumenta il dispiacere da parte della famiglia perché c’erano stati i presupposti per cercare di fermare questa situazione visto che comunque le ragazze hanno sottolineato appunto che si trattava di un caso particolare con il ragazzo che probabilmente non aveva accettato di essere lasciato. Ci troviamo di fronte dunque a una situazione che deve portare a delle risposte da parte degli inquirenti. Di certo la situazione con il suicidio del ragazzo non può assolutamente che peggiorare la situazione. Ci troviamo di fronte infatti a un momento in cui ricostruire tutto potrebbe essere davvero molto complicato. Vedremo cosa accadrà nelle prossime ore quando sicuramente gli avvocati della famiglia di Elisa Amato si muoveranno per cercare di dare degno riposo a questa splendida ragazza volata via troppo presto.