CONDIVIDI
Giuseppe Conte
(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Giuseppe Conte, altra bufera: “Sosteneva il metodo Stamina”. 

Giuseppe Conte, il premier indicato da Di Maio e Salvini nelle consultazioni di ieri al Quirinale, è finito da stamattina in una bufera che potrebbe anche bruciare il suo nome per la presidenza del Consiglio. I fronti aperti sono due. Il primo riguarda il suo curriculum nel quale vengono citati anni di studi alla New York University che all’ateneo non risultano affatto. Il secondo riguarda il sostegno dato da Conte al discusso e discutibile metodo Stamina, il metodo di cura con le staminali ideato da Vannoni, osteggiato da tutta la comunità scientifica e poi rivelatosi un grande bluff.

Giuseppe Conte e Stamina: ecco tutta la storia

Giuseppe Conte fu coinvolto in maniera diretta nella vicenda stamina e anche nei suoi risvolti giudiziari. Nel 2013 infatti Conte fu il legale della famiglia di Caterina Ceccuti, la mamma della piccola Sofia, la bimba gravemente malata di cui si occupò anche a lungo la trasmissione televisiva Le Iene. Conte fu l’artefice del ricorso decisivo della famiglia affinché le cure col metodo Stamina continuassero per la piccola Sofia e in quel periodo anche il Movimento Cinque Stelle sosteneva molto fortemente Vannoni e Stamina dichiarando che la cura funzionava pur non essendoci in realtà alcuna prova scientifica di quelle affermazioni. Ricordiamo che Vannoni venne poi condannato per associazione a delinquere e patteggiò la pena.