CONDIVIDI
polizia-allarme-sparatoria-pericolo
AFP PHOTO / ROMEO GACAD / AFP / ROMEO GACAD (Photo credit should read ROMEO GACAD/AFP/Getty Images) Immagine di repertorio

Sparatoria nel centro commerciale Opry Mills di Nashville: lite tra 22enni, un morto.

Panico a Nashville, in Tennessee, quando da una lite è scaturita una sparatoria all’interno di un centro commerciale mettendo a rischio la vita dei tantissimi presenti. Secondo le dinamiche ricostruite dalle forze dell’ordine i due ragazzi, entrambi di 22 anni, avrebbero iniziato a litigare, prima solo a livello verbale, ma poi, uno dei due ha tirato fuori un’arma.

Sparatoria al mall Opry Mills: 200 persone in fuga

Simo all’interno del centro commerciale Opry Mills, ai confini della città di Nashville, in Tennessee. Qui i due ragazzi, coetanei e conoscenti hanno iniziato a litigare e poi uno dei due ha estratto una pistola e ha iniziato a sparare. 

A quel punto, all’interno del “mall” è scattata la chiusura ossia il lockdown con i presenti che hanno iniziato a rifugiarsi nei negozi dove si trovavano, rimanendo fermi e attendendo le indicazioni della Polizia. L’Opry Mills è uno dei centri commerciali più grossi della zona con, all’interno anche un cinema e un museo delle cere. Gli agenti di Polizia hanno iniziato così a perquisire il mall cercando di capire cosa fosse successo e, soprattutto, nella speranza di tranquillizzare tutti che non si fosse trattata di un attentato terroristico.

Sparatoria a Nashville: il 22enne ferito è deceduto

Immediatamente sono arrivate sul posto le forze di Polizia locali che hanno fermato il giovane che ha sparato. Il 22enne si è subito arreso e ha posato l’arma da fuoco sul bancone fuori dalla struttura, dichiarando di non voler causare problemi. Dichiarazione alquanto particolare visto ciò che era appena successo.

Il problema delle armi in America

Il 22enne colpito dal colpo di pistola immediatamente soccorso dal personale medico è stato trasportato al Pronto Soccorso, ma dopo poche ore è arrivata la notizia del suo decesso. Ancora non sono stati chiariti i motivi della litigata tra i due, ma questo episodio riporta, ancora una volta, l’attenzione mediatica sulla questione dell’uso delle armi in America. Questa liberalizzazione e possibilità che tutti i cittadini hanno di avere un’arma per difesa personale cammina su un confine sottile tra chi veramente detiene una pistola per difendersi da eventuali aggressori e chi, invece, troppo giovane per rendersi conto, rischia di ferire o uccidere anche degli innocenti in una lite. Proprio come in questo caso.