CONDIVIDI
allarme sicurezza Milano
Polizia (Getty Images)

Notte violenta e allarme sicurezza a Milano, con diverse aggressioni e tanto sangue che scorre. Una ragazza inglese è stata accoltellata a Milano, in zona centrale, mentre rientrava a casa. La ragazza, 21 anni, studia all’Università Cattolica ed era con un’amica, che ha prontamente avvertito i soccorsi. Secondo la prima ricostruzione del caso da parte degli inquirenti, la giovane passeggiava per via Franchino Gaffurio, quando è stata avvicinata da due extracomunitari maghrebini che l’hanno aggredita nel tentativo di portarle via lo smartphone. Trasportata in gravi condizioni alla clinica Città Studi, adesso per fortuna è fuori pericolo. Ma è davvero emergenza sicurezza a Milano, perché non è stato l’unico episodio violento verificatosi in una nottata davvero senza controllo.

A Cinisello Balsamo, un 31enne italiano senza fissa dimora è stato rapinato e accoltellato all’altezza di via Lecco, dove due uomini, forse nordafricani, lo avrebbero avvicinato per rapinarlo dandogli due coltellate, una all’addome e una al torace. Trasportato in condizioni gravi all’ospedale Niguarda, l’uomo è in pericolo di vita e i medici lo stanno operando.

Milano, la ragazza accoltellata e gli altri episodi violenti nella notte

Emergenza sicurezza a Milano: non c’è solo la ragazza inglese accoltellata e il 31enne di Cinisello Balsamo. Nel capoluogo lombardo stanotte ci sono stati diversi problemi di ordine pubblico. Uno di questi riguarda un ragazzo bengalese di 23 anni, immigrato e lavoratore regolare, che è stato aggredito a via Settembrini, finendo ucciso dopo alcune coltellate. L’escalation di violenza a Milano era iniziata ieri sera, intorno alle 21.30: un 43enne di nazionalità rumena, con precedenti penali, è stato aggredito a pugni in via Padova, mentre usciva dal bar. Uno di questi colpi lo ha fatto cadere a terra, dove ha battuto la testa. Ricoverato in ospedale, è morto poco dopo.

Sulla questione ha preso forte posizione la Lega, con Salvini che ha scritto un tweet polemico contro il possibile governo PD-5 stelle e il segretario Grimoldi che ha parlato di “pericolosa escalation di delitti in città negli ultimi giorni”, chiedendo la rimozione del prefetto.