CONDIVIDI
professore bullizzato
Il professore bullizzato a Lucca (Screenshot video Corriere)

Lucca, un professore bullizzato, umiliato da un alunno che si fa beffe di lui e addirittura lo minaccia. Davvero agghiacciante il video che è diventato immediatamente virale dopo essere stato postato prima in alcune chat su WhatsApp, poi su Facebook e poi, naturalmente, inizia a fare il giro d’Italia. Un ragazzino minuscolo, che potrà avere neppure 15 anni, che si rivolge con fare minaccioso al suo professore e lo bullizza, letteralmente, intimandogli di dargli la sufficienza. Intanto il solito fenomeno a riprendere, ignaro che quel video goliardico sta per mettere lui, il suo “simpatico” amico e tutta la classe in un guaio molto più grande di loro. “Prof, non mi faccia inc… re. Mi metta sei. Mi deve mettere sei! Lei non ha capito nulla. Chi è comanda? Eh, chi è che comanda? Si inginocchi!”.

Lo stridere di quel rispettoso “Lei” contro le richieste assurde che di rispettoso non hanno proprio nulla, il tono intimidatorio, il classico atteggiamento ridanciano di tutto il resto della classe. E il professore inerme, quasi si rendesse conto che con certi ragazzini c’è davvero poco da fare, e a reagire si passa anche dalla parte del torto. Ma ormai, ai professori, non resta più nessuna arma. E il bullismo, come si può vedere, inizia a colpire anche loro.

Il professore bullizzato a Lucca e altri video simili: un’epidemia di idiozia

professore bullizzato
Il professore bullizzato a Lucca (Screenshot video Corriere)

E il professore bullizzato a Lucca non è né il primo né l’ultimo di quella che sta diventando davvero una lunga serie. Questo video è scioccante per l’atteggiamento che ha il ragazzino e per la reazione semplicemente attonita dell’insegnante, umiliato anche dalle risate di tutto il resto della classe. In un altro video si vede un altro ragazzino che improvvisamente indossa un casco da motociclista e mima una testata al professore. Poi un altro, in cui uno studentello si avvicina all’insegnante e la minaccia, rivolgendole insulti sessisti e intimidazioni con fare mafioso. Un altro video in cui un ragazzo sbatte sulla cattedra il contenitore per la raccolta della carta, un altro in cui dei ragazzini sembrano divertirsi a bestemmiare gratuitamente, ridendo ad ogni imprecazione come se fosse la battuta del secolo.

Le misure? Sospensioni, denunce, magari l’intervento della Polizia: si ipotizza l’accusa di violenza privata aggravata in concorso, ma potrebbe anche configurarsi l’ipotesi di stalking. Ovviamente, oltre agli interventi correttivi necessari, sarebbe auspicabile che intervenissero le famiglie, di questi ragazzi che magari a casa sono anche “normali”, non danno neanche l’impressione di essere così violenti, così aggressivi, così assolutamente insensati. Ma un professore bullizzato val bene un intervento serio dei genitori, oltre a ciò che potranno fare le autorità.

Di seguito il video: