Home News Ballando con le Stelle 2018, tributo a Fabrizio Frizzi: Milly Carlucci commossa

Ballando con le Stelle 2018, tributo a Fabrizio Frizzi: Milly Carlucci commossa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:28
CONDIVIDI

La puntata di sabato 31 marzo di Ballando con le Stelle 2018 dedicata a Fabrizio Frizzi

E’ iniziata con una lunga clip dedicata a Fabrizio Frizzi la puntata di questa sera di Ballando con le Stelle, il varietà del sabato sera di Rai Uno condotto da Milly Carlucci. La conduttrice, amica fraterna e collega di Frizzi in tante trasmissioni, avrebbe voluto non andare in onda questa sera, ma come spiegato da lei stessa sui social ‘ci sono obblighi aziendali’.

La puntata di stasera 31 marzo di Ballando con le Stelle è iniziata con un videoclip su Fabrizio Frizzi. Il conduttore scomparso lo scorso 26 marzo in seguito ad un’emorragia celebrale partecipò alla prima edizione di Ballando, in un periodo in cui i rapporti con la Rai erano piuttosto tempestosi.

Alla fine del tributo un lungo applauso in studio da parte di pubblico e giuria. Milly Carlucci visibilmente commossa ha però continuato nel suo lavoro, presentando la giuria e le novità della puntata. La vita e le trasmissioni tv vanno avanti. Speriamo lo facciano nel segno dell’educazione e del sorriso che aveva Fabrizio Frizzi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRISULTATI Estrazioni del Lotto: Diretta 31 marzo 2018 e Quote Superenalotto
Articolo successivoIl messaggio di Pasqua di Papa Francesco e l’allerta Isis in Vaticano
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.