CONDIVIDI
Che fuori tempo che fa: Fazio ospita Nek, Renga e Pezzali, pronto un nuovo disco?
Che fuori tempo che fa: Nek,Pezzali e Renga (Websource/Archivio)

Che fuori tempo che fa, Fabio Fazio: giunge anche questa settimana il consueto appuntamento con il programma di approfondimento serale della Rai condotto dallo storico presentatore di ‘Quelli che il calcio‘ in collaborazione con Luciana Littizzetto. Chi segue il programma sa per certo che gli ospiti sono il fulcro dell’intrattenimento e nella puntata di questa sera a farla da padrone sono i cantanti Nek, Francesco Renga e Max Pezzali, ma dopo di loro verrà dato spazio al grande Giorgetto Giuggiaro, designer noto per aver creato le livree di alcune delle auto più belle al mondo (oltre 200 gli esemplari che portano la sua firma), alla sempre bellissima Gloria Guida, ad Angela Finocchiaro e a Paolo Rossi.

Che fuori tempo che fa: dopo la Copertina di Crozza, spazio agli ospiti

Il primo motivo d’interesse per la puntata odierna di Che fuori tempo che fa è sicuramente la copertina satirica di Maurizio Crozza. Il comico, la cui abilità di trasformista lo rende unico nel panorama italiano, ama mettere alla berlina i personaggi politici del momento con una satira sempre pungente ma mai offensiva. Dato il momento storico-politico della nostra nazione non è difficile immaginare che i protagonisti della copertina possano essere Di Maio e Salvini, ma Crozza ha sempre un asso nella manica e vedremo cosa sarà in grado di inventarsi questa sera.

Conclusa la fase satirica toccherà a Fazio ed alla Littizzetto divertire il pubblico con i noti scambi cominci che rendono peculiare la conduzione del programma. Quindi toccherà agli ospiti prendersi la scena. Come detto sopra i principali protagonisti della serata saranno Nek, Renga e Pezzali, i tre cantanti sono impegnati in un tour insieme, frutto di una collaborazione nata questa estate e sfociata nel singolo ‘Duri da battere‘. Nel corso dell’intervista ai tre, Fazio cercherà di capire l’origine della collaborazione, ma anche di “estorcere” particolari succosi o momenti esilaranti occorsi durante la progettazione e la lavorazione del progetto.