CONDIVIDI

E’ della Lega il primo senatore di colore d’Italia. Con le Elezioni 2018 entra al Senato Toni Iwobi di origini nigeriane

Ci voleva la Lega, quella della ‘ruspa’ e ‘dell’aiutiamoli a casa loro’ per avere a Palazzo Madama il primo senatore di colore d’Italia. Si chiama Toni Iwobi, ha 62 anni e milita da oltre 20 anni nel partito del Carroccio. Lo stesso partito di Calderoli che definì l’ex ministro di origini congolesi Cecile Keynge un orango e di Attilio Fontana, neogovernatore della Lombardia, che recentemente ha parlato di supremazia della razza bianca facendo infuriare perfino l’Europa.

La politica anti-immigrazione della Lega è però sposata in pieno da Iwobi, tanto da essere diventato responsabile immigrazione del partito di Salvini. A Spirano, vicino Bergamo, il paese di Iwobi, la Lega ha ottenuto il 35,5 % alle Elezioni e lui, al terzo posto nel proporzionale in Lombardia 2, un biglietto per il Senato di Roma.

Salvini ha commentato la notizia su facebook la notizia dell’elezione di Iwobu con ‘il razzismo in Italia è solo a sinistra’, ma la Keynge, proprio lei che fu insultata vergognosamente da Calderoli, ha commentato la vicenda dichiarando “il razzismo della Lega non scompare con un senatore nero”.

Iwobi, primo senatore nero d’Italia

Iwobi è ora un bergamasco doc, un imprenditore informatico di successo con una laurea in informatica ottenuta negli States negli anni ’70. La sua prima tappa italiana fu però Perugia dove arrivò grazie ad un permesso di soggiorno per studi. Pochi mesi dopo il suo arrivo il giovane Iwobi si trasferì in Lombardia dove svolse ogni tipo di lavoro: muratore, idraulico, stalliere, netturbino all’Amsa. Ed è qui che avviene la svolta: la società di rifiuti scopre i titoli di studio di Iwobi e lo assume come impiegato. Nel frattempo sposa una giovane della bassa bergamasca, ha due figli, inizia la sua carriera politica diventando assessore del Comune di Spirano, si fa strada nella Lega e diventa capo di un’azienda informatica.

Ed ora con le Elezioni 2018 diventa senatore. “Io voglio un’immigrazione regolare – ha detto Iwobi -. Noi leghisti vogliamo risanare l’immigrazione, la vogliamo controllata, non siamo contro le persone, ma contro gli irregolari”.

All’indomani della vittoria in un post su Facebook la dedica a Salvini:  “Amici, è con grande emozione che vi comunico che sono stato eletto Senatore della Repubblica! Dopo oltre 25 anni di battaglie nella grande famiglia della Lega, sta per iniziare un’altra grande avventura! I miei ringraziamenti vanno a Matteo Salvini, un grande leader che ha portato la Lega a diventare la prima forza di centrodestra del Paese! Devo ringraziare poi il mio segretario nazionale Paolo Grimoldi, il mio ormai ex segretario provinciale e nuovo deputato Daniele Belotti, tutta la squadra del dipartimento per il lavoro svolto in questi anni, i militanti della grande Lega e tutti gli amici di Facebook per il loro sostegno. Non posso dimenticare poi la mia famiglia, senza di loro non sarei arrivato fino a qui oggi, perché non hanno mai smesso di supportarmi e di starmi vicino!”.