CONDIVIDI
ristorante di cracco a milano
Carlo Cracco (Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Un ristorante di lusso e super esclusivo, all’interno della Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. E’ il nuovo ristorante dello chef vicentino Carlo Cracco, star di Masterchef, ma ancora prima di diventare una star della tv tra i più importanti e rinomati cuochi italiani.

Cracco aveva già un ristorante a Milano, in via Victor Hugo, vicino a Piazza Duomo. Questo in Galleria è il nuovo locale, che continua la cucina del precedente. Un ambiente molto più grande, su diversi piani, all’insegna del lusso e dell’eleganza, ma con buon gusto.

Nuovo ristorante di Cracco a Milano: Cracco in Galleria

C’era grande attesa per l’apertura del nuovo ristorante di Cracco a Milano. Un ampio locale su più piani all’interno della Galleria Vittorio Emanuele II, nel cuore di Milano. L’inaugurazione si è tenuta il 21 febbraio alla presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala e ovviamente del diretto interessato. Carlo Cracco ha aperto orgogliosamente le porte dei suo nuovo ristorante agli ospiti.

Chiamarlo ristorante è riduttivo. Il locale si sviluppa su cinque piani di eleganza: al primo piano, con le grande vetrate affacciate sul corridoio della Galleria, si trova il bistrot-café, per colazioni e pasti veloci, la pasticceria e cioccolateria è al piano ammezzato, mentre al primo piano c’è il ristorante vero e proprio, in un ambiente intimo e soffuso, con grandi finestre e il balcone affacciati sugli stucchi della Galleria, al secondo piano si trova la Sala Mengoni per eventi privati, mentre il seminterrato ospita le cantine, con una vastissima scelta di vini. Le decorazioni del locale sono sfarzose e sobrie al tempo stesso, realizzate dagli architetti dello Studio Peregalli.

L’apertura del nuovo ristorante di Cracco ha richiesto tempi lunghi, “un parto plurigemellare”, lo ha definito lo stessi chef. Dopo tre anni di lavoro, il progetto ha visto finalmente la luce e da come appare sembra che ne sia valsa l’attesa.

Il menù del ristorante continua la filosofia e lo stile del precedente locale di via Victor Hugo. Il prezzo delle portate è commisurato al luogo: per i primi e i dolci si spende intorno ai 40 euro a portata, il prezzo di antipasti e secondi è più alto, mentre il menù a degustazione sarà proposto a 190 euro. Una spesa impegnativa, me pensiamo alla ricchezza ed esclusività del luogo. Del resto il ristorante ospita solo 50 persone a servizio.

Un post condiviso da Claudia Zennaro (@codicezeta) in data:

Un post condiviso da Caterina Zanzi (@conoscounposto) in data:

Un post condiviso da Michele Lupi (@michelelupi) in data:

Un post condiviso da Rosa Fanti (@rosafanti) in data:

Un post condiviso da Mattia Dognini (@mattiadognini) in data:

Un post condiviso da Flores Manfredi (@flores_m) in data:

Un post condiviso da Paolo Gattoni (@paolingi) in data:

Un post condiviso da Esquire Italia (@esquireitalia) in data:

Un post condiviso da @thebeardedpublicist in data:

Un post condiviso da Cynthia (@cinzetta) in data:

 

A cura di Valeria Bellagamba