CONDIVIDI

Pensioni 2018, andare ancora in pensione con soli 15 anni di contributi ? Eccco come:
La nuova riforma sulle pensioni
ha apportato delle notevoli modifiche alla legge quadro che regola il versamento dei contributi e la ricezione della conseguente pensione, ciò nonostante è rimasta in vigore la possibilità di ricevere il sussidio statale anche avendo versato solamente 15 anni di contributi. Chiaramente si tratta di un’eccezione che permetterà al richiedente che soddisfa le condizioni per poterne usufruire di ricevere un assegno pensionistico non inferiore al minimo previsto per legge. L’eccezione di cui sopra è stata introdotta nel 1992 con la legge Dini e prevede che i beneficiari si vedano ricalcolato il piano contributivo con conseguenti penalità confermate anche nel piano pensioni di questo 2018. Di seguito vediamo quali sono le condizioni che permettono ai lavoratori italiani di usufruire dell’assegno pensionistico grazie alle deroghe della legge Dini.

L’accesso anticipato alla pensione è sancito da tre deroghe: nella prima viene stabilito che possono accedere all’assegno pensionistico quei lavoratori che hanno versato 15 anni di contributi (780 settimane) prima del 31 dicembre del 1992. I contributi validi sono sia quelli  volontari che quelli obbligatori, figurativi, da riscatto e ricongiunzione, oltre a quelli versati all’estero, in Paesi europei o convenzionati con l’Italia. I soggetti che possono beneficiare della deroga sono quei lavoratori iscritti al Fondo lavoratori dipendenti o alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’Inps. Un altra eccezione prevede che possano usufruirne anche i lavoratori ex Inpdap, ex Enpals, ex Ipost.

La seconda deroga prevede un allargamento del diritto alla pensione anticipata anche a quei soggetti che hanno versato contributi autonomi se autorizzati al versamento di contribuzione volontaria con un provvedimento precedente al 31 dicembre del 1992. Infine la terza deroga permette ai lavoratori dipendenti iscritti all’assicurazione generale obbligatoria o ad un fondo esonerativo o sostitutivo della stessa con solo 15 anni di contributi se rispettano le seguenti condizioni:

  • 25 anni di anzianità assicurativa
  • 15 anni di contribuzione
  • 10 anni di lavoro con almeno 52 settimane di contribuzione