CONDIVIDI

Sciopero dei trasporti pubblici locali oggi a Roma. I sindacati deei lavoratori hanno proclamato sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale nella Capitale. Si annuncia un venerdì di disagi per chi si sposta in città.

Sciopero dei trasporti pubblici a Roma

Lo sciopero dei trasporti pubblici a Roma è iniziato oggi, venerdì 12 gennaio 2018, alle 8.30 di questa mattina. Si tratta di uno stop di 24 ore, che prevede tuttavia, come sempre, delle fasce di garanzia per i pendolari.

A Roma si fermano oggi autobus, metropolitana, tram e ferrovie regionali: Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Ad essere maggiormente interessati dallo sciopero sono i mezzi dell’Atac, la principale azienda di trasporto pubblico a Roma.

Il servizio su tutta la rete Atac si è già fermato sulle linee notturne (da N1 a N28 e per la fascia 0.01-5.30 linea 913), nella notte tra l’11 e il 12 gennaio, mentre nella giornata di oggi non sarà garantito dalle ore 8.30 alle ore 17 e dalle ore 20 al termine del servizio diurno.

A Roma sono chiuse le metro A e B, mentre è aperta la C.

Inoltre, nelle stazioni della metropolitana e delle ferrovie locali, che resteranno aperte, non sarà garantito il servizio di scale mobili, montascale, ascensori. Così come non sarà garantito il servizio delle biglietterie Atac.

Lo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale a Roma nella giornata di venerdì 12 gennaio 2018 è stato indetto per i dipendenti Atac dai sindacati Orsa, Faisa Confail e Usb.

Nello stesso giorno e sempre per la durata di 24 ore è stato indetto anche lo sciopero dei lavoratori della società RomaTpl dai sindacati Fast e Usb. Per questi lavoratori l’astensione dal lavoro andrà dalle 8.30 alle 17.00 e dalle 20 al termine del servizio. Una giornata difficile per i pendolari.

Per agevolare il traffico dei veicoli in città, sono state aperte le Zone a traffico limitato (Ztl) diurne del Centro di Roma e di Trastevere. Anche i veicoli senza permesso, quindi, potranno attraversarle senza problema.

Nonostante questi provvedimenti e le fasce di garanzia per i mezzi pubblici, si prevede comunque un venerdì difficile per chi si deve spostare a Roma. Città già abbastanza caotica a causa del traffico e con problemi cronici di viabilità pubblica.

Comunque, l’Autorità di garanzia per gli scioperi precisa che si tratta della prima astensione dal lavoro nei trasporti pubblici dopo il 10 novembre, dato che tutti gli scioperi proclamati successivamente sono stati oggetto di rinvio e/o di precettazione. Questo è stato possibile, ha sottolineato l’autorità, “grazie ad un lavoro di stretta collaborazione istituzionale tra l’Autorità e la Prefettura ed anche al senso di responsabilità dimostrato dalle organizzazioni sindacali nei giorni precedenti le festività natalizie, che accogliendo gli inviti a differire le agitazioni, hanno scongiurato notevoli disservizi ai cittadini ed utenti del servizio”. Ha concluso il Garante.

Valeria Bellagamba