CONDIVIDI
meteo inverno
Neve a Bormio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Meteo inverno. Intense nevicate hanno travolto il Nord Italia con centri abitati isolati e rischio valanghe che in alcuni casi si è materializzato. Come a Sestriere, dove una slavina ha travolto un condominio, ieri sera, per fortuna senza provocare feriti.

Il rischio di valanghe continua ad essere alto in Piemonte, soprattutto nella provincia di Vercelli, e la commissione valanghe dell’Unione Montana ha deciso di chiudere due strade in Alta Valsesia: la provinciale 10 e la strada comunale di Val Vogna. Il maltempo delle ultime ore, infatti, ha colpito soprattutto il Nord-Ovest dell’Italia, con abbondanti nevicate sulle Alpi, con diverse valanghe in Piemonte e Valle d’Aosta e molti paesi isolati. Nelle zone di bassa montagna del Nord-Ovest, invece, piogge e temporali hanno causato diversi allagamenti.

Nella notte il maltempo è arrivato sulle regioni di Nord-Est, dove nevica oltre i 1200/1500m. Vediamo la situazione in dettaglio.

Meteo inverno: neve e valanghe al Nord

Le forti nevicate che si sono abbattute sulle Alpi Occidentali stanno causando seri disagi alla popolazione, con strade chiuse, centri abitati isolati e valanghe, di cui l’episodio più grave è quello accaduto ieri sera al Sestriere.

La situazione più critica è in Piemonte, dove valanga che ha travolto il palazzo al Sestriere è entrata fin dentro le case e causando danni alla struttura portante dell’edificio. Fortunatamente non ci sono feriti, ma le 29 persone che erano all’interno sono state subito evacuate, non senza difficoltà nelle operazioni di soccorso, perché le persone erano rimaste bloccate all’interno dell’edificio. L’enorme massa di neve portata dalla slavina è arrivata fino alla strada statale 23 della Val Chisone, che è stata chiusa al traffico per precauzione, isolando Sestriere. I collegamenti con Torino e Cesana sono interrotti. Oggi le scuole rimangono chiuse a Sestriere.

Le precipitazioni abbondanti cadute nelle ultime ore hanno aumentato il pericolo valanghe anche in alto Piemonte. Nlella provincia di Vercelli sono state chiuse a scopo precauzionale due strade in Valsesia: la Provinciale 10 Rimasco-Rima e la Comunale della Val Vogna.

Montagne di neve lungo le strade di Sestriere

Val Susa sotto la neve

Critica anche la situazione in Valle d’Aosta. Nella regione non smette di nevicare, in particolare sulle vallate meridionali e su quelle orientali. Da ieri Cervinia è nuovamente isolata per il rischio di valanghe. Sono isolate anche Champoluc, Cogne, Val di Rhemes, Valsavarenche e Valgrisenche. Nella notte il limite neve si è abbassato, secndendo sotto i 1500m e gli accumuli sopra i 2500m raggiungono ormai i 2 metri nelle zone più esposte. In Valle d’Aosta il pericolo valanghe è altissimo, segnala 3bmeteto.it, e nelle zone a sud e a est è pari a 5 (molto forte), il massimo della scala.

Cervinia isolata

Il maltempo si è spostato a Nord-Est, con nevicate su Trentino Alto Adige e Veneto con nevicate sopra i 1.200 e 1.500 metri, in quota poco superiore sulle montagne del Friuli. Piogge intense, invece, sono segnalate sulle Prealpi vicentine.

Nelle prossime ore la perturbazione si estenderà al Centro-Sud, portando piogge e temporali. Rovesci e temporali sparsi sono previsti su bassa Toscana, Umbria e Lazio. Poi i fenomeni si estenderanno a Marche e Abruzzo. In serata sono attesi acquazzoni e temporali sul basso Tirreno, soprattutto su Sicilia centro-occidentale, Campania e Molise.

Mercoledì 10 gennaio il tempo migliorerà Centro-nord, eccetto qualche piovasco su Levante ligure, alta Toscana e alto Piemonte e nubi basse o nebbie in Valpadana. Il tempo sarà instabile al Sud, con piogge e rovesci anche forti che si estenderanno su Sicilia, Campania e Molise, poi su Puglia, Calabria e Basilicata. Pigge intense sono previste su Sicilia tirrenica e su coste campane, poi sulla Calabria occidentale. In serata peggioramento delle condizioni meteo sulla Sardegna.

A cura di Valeria Bellagamba