CONDIVIDI
Lago vulcanico di Kawah Ijen, Indonesia (Dodi Mulyana, Flickr CC BY 2.0)

Ci sono luoghi al mondo che sembrano impossibili, eppure sono reali. Meraviglie della natura che a volte sono bellissime e allo stesso tempo pericolosissime e terrificanti. È quello che accade in quei posti dove la forza degli elementi naturali crea effetti straordinari in cui tutta la potenza e la violenza della natura si esprimono al massimo.

Tra questi luoghi così belli e pericolosi, nonostante le apparenze, ci sono i laghi vulcanici. Qui ambienti e colori straordinari, di acqua e rocce, regalano uno scenario spettacolare, ma allo stesso tempo letale. Dietro la bellezza del paesaggio, infatti, si celano acque altamente corrosive, gas tossici e una lava che non lascia scampo.

Noi italiani i vulcani li conosciamo, vedi Etna, Stromboli, Vesuvio e i temibili Campi Flegrei, ma è in Asia che troviamo il vulcani più pericolosi. Ce lo ricordano le eruzioni di epoca recente, quella del Pinatubo nel 1991 e quella di questi giorni del vulcano Agung a Bali, in Indonesia.

Proprio in quest’ultimo Paese, ma sull’isola di Giava, si trova un incredibile lago vulcanico dalle acque bellissime da vedere, ma nelle quali è assolutamente sconsigliato fare il bagno, e che erutta lava e gas blu fosforescente.

Il vulcano e lago Kawah Ijen visto dall’alto (iStock)

Il lago vulcanico che erutta lava e gas blu

Il suo nome è Kawah Ijen ed è il lago vulcanico più acido del mondo. Le sue acque, infatti, hanno un ph di 0,5 dovuto alla presenza di acido solforico. Provate a immergere anche solo un dito del piede in queste acque e inizierà immediatamente a corrodersi, sempre che non siate morti prima a causa dei gas tossici che fuoriescono dalle fessure nel cratere. Secondo altre versioni l’acidità del lago vulcanico è dovuta alla presenza di acido cloridrico o ad un complesso di acidi e minerali. In ogni caso si tratta di un luogo pericolosissimo, da visitare solo se siete esperti di questi ambienti e avete l’attrezzatura idonea.

Le acque del lago vulcanico di Kawah Ijen sono di un azzurro intensissimo e il fumo bianco che le sovrasta quasi di continuo viene dalle fenditure sulla roccia del cratere e sul fondale del lago che permettono il passaggio dei gas emessi dal magma sotterraneo. Gas sulfurei potenzialmente mortali ai quali avvicinarsi solo con maschere protettive.

Fiamme blu sopra il Kawah Ijen,15 giugno 2016 (GOH CHAI HIN/AFP/Getty Images)

Comunque, la caratteristica principale è più affascinante di Kawah Ijen è il colore blu della lava e del gas emessi dal vulcano durante la notte, colore dovuto proprio alla elevata presenza di zolfo, sia nel magma che all’esterno. La lava durante il giorno è di colore rosso, di notte diventa blu fosforescente assieme ai gas e alle fiamme altissime che fuoriescono dalla bocca del vulcano.

Uno spettacolo incredibile, ma molto pericoloso. Al quale è bene assistere solo accompagnati da esperti di vulcani.

Il colore blu luminescente è visibile solo di notte ed è causato dall’incendiarsi dello zolfo quando entra in contatto con l’aria.

Miniera di zolfo del Kawah Ijen (iStock)

Il lago vulcanico di Kawah Ijen fa parte di un gruppo di stratovulcani situati nella parte orientale dell’isola di Giava, nella Reggenza di Banyuwangi, in Indonesia. Il vulcano è una miniera di zolfo.

Mappa

La lava, le fiamme e i gas blu del Kawah Ijen