ViaggiNews

Guida del Canton Ticino: tutte le informazioni utili sulla Svizzera italiana

mercoledì, 2 novembre 2016

Lago di Lugano, Canton Ticino (iStock)

Lago di Lugano, Canton Ticino (iStock)

Guida del Canton Ticino. Tutte le informazioni per visitare il cantone della Svizzera dove si parla italiano. Situato sulle Alpi meridionali, il Canton Ticino confina in larga parte con l’Italia, con le province di Como e Varese, e con i cantoni svizzeri Vallese, Uri e Grigioni. E’ bagnato dalle acque dei laghi di Lugano e Maggiore. Il capoluogo è Bellinzona, anche se la città più grande è Lugano. Il bacino del fiume Ticino, da cui prende il nome, occupa una parte importante del territorio del cantone.

Grazie alla sua vicinanza con l’Italia, e per la lingua, è molto frequentato dagli italiani. Le mete turistiche più frequentate sono le città di Lugano e Locarno, quest’ultima sede di un importante festival cinematografico in agosto.

Guida del Canton  Ticino: cosa vedere

Da vedere sono sicuramente le zone dei laghi, Maggiore e Lugano, che condividono con l’Italia, e le incantevoli città rivierasche. In Canton Ticino si trovano numerosi laghi e ed è attraversato per la sua lunghezza dal bacino del fiume Ticino. Le città più importanti sono Lugano, Locarno, Mendrisio e Bellinzona.

Lugano ha origini medievali ed è una elegante città di lago, con molti monumenti, chiese e musei da vedere. Locarno ha un centro storico medievale, da vedere qui il Castello Visconteo e la piazza Grande dove ad agosto vengono proiettati i film del Festival del Cinema Internazionale di Locarno. Ascona è un caratteristico paese sul Lago Maggiore, vicino a Locarno. Bellinzona, capoluogo del cantone, è famosa per i suoi castelli e la cinta muraria, Patrimonio dell’Umanità Unesco, come i bellissimi castello di Montebello e Castelgrande, che domina la città. Da vedere a Bellinzona anche le numerose chiese. Mendrisio, vicino al confine con l’Italia, poco più a nord di Chiasso, è un altro centro di pregio storico-artistico, con i suoi palazzi e le numerosissime chiese, qui si trovano anche le rovine di una villa romana con mosaici del I e II secolo d.C.

Castelgrande di Bellinzona (Wikpedia)

Castelgrande di Bellinzona (Wikpedia)

Guida del Canton  Ticino: cosa fare

Il lago di Lugano ha acque balneabili in estate e ideali per un giro in battello. Da visitare i pittoreschi villaggi dei pescatori. Su Lago Maggiore, Ascona ha mantenuto il fascino intatto del passato ed è un luogo ideale per una passeggiata romantica sulle rive del lago. Sempre sul Lago di Lugano, a Melide, si trova Swissminiatur, un parco giochi che riproduce i luoghi simbolo dello stato, ideale per famiglie con bambini.

Ampio il territorio ricoperto di boschi, ideali per le passeggiate. Le montagne del Canton Ticino offrono molte occasioni per praticare il trekking d’alta quota. La Val Maggia, a meno di un’ora di auto di Lugano, ha percorsi adatti ad ogni camminatore e splendidi panorami sulle vette circostanti. In alternativa, ci si può avventurare sui sentieri della Val Verzasca, tra torrenti e boschi di lecci.

Le colline intorno al Lago di Lugano ospitano vitigni Merlot, dove in autunno si tengono numerosi eventi enogastronomici e sagre, con degustazioni nei crotti e nelle cantine, musica e danze folkloristiche.Da non perdere, poi, la Festa dell’autunno di Lugano, con esposizioni e degustazioni dei prodotti tipici locali, dai formaggi, ai salumi, ai funghi. La città è un vivace centro culturale che ospita spesso importanti mostre d’arte. Da visitare i bellissimi parchi e giardini con vista sul lago, come il Parco Ciani con la famosa Cancellata di accesso al lago, classica immagine da cartolina. Il lungolago di Lugano è ideale anche per romantiche passeggiate invernali.

A Bellinzona si fa shopping al mercato del sabato mattina, dove acquistare prodotti freschi, specialità gastronomiche e oggetti di artigianato. La città ha una lunga tradizione del Carnevale. Nei dintorni di Bellinzona e nella zona dell’Alto Ticino vengono organizzate numerose escursioni, a piedi, in mountain bike e in Canona sul Ticino.

Per sciare c’è il comprensorio sciistico di Airolo-Pesciüm affacciato sul San Gottardo.

Gli amanti del gioco possono andare ai casinò di Lugano, Locarno e Mendrisio.

Dormire e mangiare

Soggiornare in Svizzera è piuttosto costoso, ma con qualche accortezza si possono trovare strutture di buon livello non troppo care. Per spendere meno si possono scegliere le pensioni nei paesini fuori dalle principali città. Per mangiare si va nelle trattorie, nelle locande o nei crotti (grotte) tipici.

Guida del Canton Ticino: informazioni pratiche

Quando andare

Si può visitare il Canton Ticino in ogni stagione, per una visita più agevole e per le attività all’aria aperta è ovviamente preferibile la bella stagione, dalla primavera all’autunno, anche se in estate fa piuttosto caldo. L’inverno è l’ideale per gli amanti della neve, sulle montagne, perché in pianura la neve è molto rara.

Come arrivare

In auto il Canton Ticino è raggiungibile prendendo l’autostrada Milano-Laghi A9 per Como, proseguendo per il valico di Brogeda, entrando a Chiasso. Oppure l’autostrada Milano-Laghi A8 per  Varese, entrando in Svizzera attraverso il valico del Gaggiolo. Oppure attraverso il valico di Bizzarrone, in provincia di Como, prendendo la SP 23.
Le altre vie di acceso sono da Domodossola, tramite la SS 337, seguendo le litoranee piemontese e lombarda sul Lago Maggiore, oppure da Luino la provinciale fino a Lavena-Ponte Tresa.

In Svizzera vige l’obbligo di pagare una tassa per l’utilizzazione della maggior parte delle strade nazionali (autostrade e semiautostrade) con veicoli a motore e rimorchi. Si acquista un biglietto di ingresso, un contrassegno prepagato (“vignette”) che dura un anno e costa circa 40 euro.

In treno il Canton Ticino è raggiungibile attraverso la linea del San Gottardo che collega il Nord e il Sud Europa e passa per Chiasso. Oppure la linea ferroviaria Centovallina da Domodossola.

In aereo si arriva fino all’aeroporto di Lugano, collegato con altre città svizzere ed europee.

Documentazione necessaria

Per entrare in Svizzera è necessaria la carta d’identità valida per l’espatrio oppure il passaporto. Il Paese aderisce all’accordo di Schengen.

L’importazione di valute aventi corso legale in Svizzera non è sottoposta a restrizioni particolari, fatte salve le misure di lotta alla criminalità. Gli importi in contanti superiori a 10.000 euro devono essere dichiarati alle autorità doganali, sia in entrata sia in uscita dal Paese. L’obbligo di dichiarazione si estende anche ad altri mezzi di pagamento, come assegni e cambiali.
Per le derrate alimentari e per le bevande alcoliche vigono disposizioni specifiche, consultabili, anche in italiano, sul sito internet dell’Amministrazione Federale delle Dogane www.ezv.admin.ch  (anche in lingua italiana), alla voce “informazioni doganali per privati”.

La moneta in uso è il Franco svizzero

 

Guida del Canton Ticino: la natura – VIDEO

Tags:

Altri Articoli Interessanti: