Home Dove, come e quando Cambio valuta in viaggio: gli errori da evitare e i consigli utili

Cambio valuta in viaggio: gli errori da evitare e i consigli utili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:27
CONDIVIDI
cambio valuta exchange
Cambio valuta

Ai tempi dei bancomat, delle carte di credito e dei pagamenti online, viaggiare, dal punto di vista dei soldi che si portano in tasca, è decisamente più facile. Ma ovunque si vada è comunque sempre necessario avere dei contati in valuta locale. Un po’ perché in alcuni Paesi i bancomat ed il pagamento con carta sono poco presenti o quasi del tutto assenti, un po’ perché per le piccole spese è necessario avere moneta liquida. Il consiglio è di cambiare i soldi prima di partire presso la propria banca: il tasso di cambio sarà più favorevole e se siete correntisti potreste non avere applicata nessuna commissione. Ma se avete pensato a tutto, avete fatto la valigia perfetta ed organizzata per evitare di caricarla in stiva, ma vi siete dimenticati di cambiare i soldi, niente paura: ci sono dei sistemi per non spendere troppo nel cambio. Ovviamente diffidate sempre di chi vi abborda per strada promettendovi cambi troppo vantaggiosi!

Qual è il modo migliore per cambiare i soldi all’estero?

CAMBIA VALUTA IN AEROPORTO – Solitamente si arriva all’aeroporto e ci si accorge della necessità di cambiare dei soldi per poter prendere l’autobus, il taxi o qualcosa da mangiare. La soluzione più facile è quindi quella di andare ai cambia valuta presenti in aeroporto. Ma attenzione cambiare i soldi qui può essere la scelta peggiore. I tassi di cambio dell’aeroporto sono infatti solitamente più svantaggiosi che quelli in città e spesso applicano una commissione. Meglio quindi cambiare pochi soldi in aeroporto, giusto lo stretto necessario.  Ma è ancor meglio cambiare i soldi al bancomat.

PRELEVARE AL BANCOMAT – Prelevare direttamente con il bancomat è il modo migliore per cambiare denaro all’estero. L’unica accortezza è verificare prima della partenza che la propria carta sia abilitata ai prelievi dei circuiti internazionali e verificare se c’è e di quanto sia la commissione. Alcuni istituti di credito applicano infatti una commissione del 2% sui ritiri effettuati all’estero. In questo caso è conveniente prelevare una grande somma e meno spesso, controllando il massimale che si può prelevare per giorno. Prelevare con la carta di credito invece potrebbe costare qualcosa in più in quanto c’è una maggiorazione del tasso di cambio. La maggior parte delle carte aggiunge un costo che varia dall’1 % al 3% al tasso di cambio.

CAMBIA VALUTA IN CITTA’ – Una volta arrivati in città cercate con cura il Change/Exchange, non fermatevi al primo che vi capita, ma controllate con attenzione i tassi di cambio che applicano e le commissioni. Alcuni bureau si presentano con zero commissioni, ma con un tasso di cambio maggiore. Non fidatevi nemmeno, senza aver prima controllato, ai grandi nomi: la maggior sicurezza spesso se la fanno pagare cara. Date un’occhiata anche ai Money Exchange automatici, spesso hanno tariffe migliori di altri bureau. In ogni caso ricordatevi che maggiore è la somma cambiata, minore è la commissione applicata.

CAMBIO VALUTA IN BANCA – Recarsi direttamente in banca è senz’altro il modo più sicuro. Ma attenzione conviene farlo solo per grosse cifre. Il tasso di cambio sarà quello ufficiale – quindi non ci sono errori o rincari – ma la commissione e le tasse applicate rischiano di essere onerose. In casi di piccole cifre è quindi preferibile evitare la banca. O meglio ancora: chiedete!

PAGARE IN VALUTA LOCALE – Laddove vi chiedano se preferiate pagare in euro o in valuta locale, scegliete la seconda opzione. E’ più probabile infatti che possiate cosi risparmiare e lo stesso quando pagate con la carta se avete la possibilità di scegliere la valuta di pagamento.

TORNARE A CASA CON VALUTA STRANIERA – Se siete in un Paese in cui l’euro è più forte tornare in Patria con valuta straniera debole significa avere in tasca soldi di scarso valore che nel cambio con l’euro ci perderete parecchio. Meglio quindi spenderli quando ancora vi trovate lì. Anche se vi trovate in un Paese in cui la valuta è più forte dell’Euro tornare a casa con molti soldi stranieri non è un grosso vantaggio: dovrete trovare qui in Italia un cambiavalute con un buon tasso e zero commissioni. Insomma, conviene spenderseli e goderseli. E se una volta a casa vi viene la depressione post-vacanza ci sono dei trucchi per farvela passare: come ad esempio, pensare al prossimo viaggio.

Una delle città più amate del mondo, da cui tutti sono tornati con qualche pound e penny in tasca è Londra. Ecco cosa non potete perdervi di questa città!

CONDIVIDI
Articolo precedenteLondra, questo è il momento giusto per andare: ecco perché
Articolo successivoGuida dell’India: il Paese dei colori e del misticismo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.