Sardegna, spiagge per nudisti: ecco le migliori

Sardegna low cost

Per chi ama la totale libertà di stare senza vestiti e senza costume esistono delle spiagge apposite dove poter godere appieno dell’agio di stare nudi. Il naturismo raccoglie molti consensi trasversali e sono sempre più numerosi i posti dove poterlo praticare.

Ce sono diverse in Italia (qui le migliori cinque), moltissime in Europa – al Nord Europa è infatti una pratica assai diffusa (qui la nostra top ten) e quelle che sono considerate in assoluto le migliori del mondo (ecco la top cinque). Ovviamente per praticare il naturismo bisogna attenersi a delle specifiche regole (qui trovate quali sono nel caso voleste provare).

Spiagge migliori per i nudisti in Sardegna

Nella splendida Sardegna, meta di migliaia di turisti, esistono diverse spiagge dove poter praticare in tutta tranquillità il nudismo. Sono spiagge incastonate fra pareti rocciose, selvagge e lontano da occhi indiscreti. Tra queste una delle più belle è la spiaggia di Porto Ferro, fra Capo Caccia e Sassari: una distesa di sabbia rossa protetta da una pineta. Vicino Tortolì c’è la spiaggia di Lido di Orri una delle più celebri spiagge per nudisti di tutta l’isola.  Poi la spiaggia di Prumare sulla costa dei Rei. E ancora sulla costa nord della Sardegna andate alla spiaggia del Liscia: il primo tratto è pieno di gente, ma mano a mano che camminate incontrerete la parte riservata ai naturisti.

E per sognare la Sardegna ecco le cinque spiagge più belle dell’isola

Previous articleAgosto accende pianeti e stelle, quando guardare lo spettacolo in cielo
Next articleMeteo, niente mare questo weekend: arriva Circe
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.