Meteo, dominio Caronte: Italia da record. Ma nel weekend…

roma-caldo

L’Italia è sotto il dominio dell’anticiclone africano Caronte, uno dei più intensi di quest’estate 2016 e la giornata di oggi, venerdì 22 luglio, sarà una della più torride dell’anno. Il Mediterraneo centrale è stato infatti conquisto dall’Alta Pressione proveniente dall’Africa e la nostra Penisola, da nord a sud, ne è completamente investita.

Le temperature saranno ovunque sopra i 30 gradi con picchi altissimi in alcune città. Le più calde d’Italia saranno: Bologna e Firenze con 36 gradi; Roma 35 gradi, Torino e Catania 34 gradi; Palermo 33 gradi. Clima rovente anche nelle zone interne di Puglia, Sicilia e Sardegna dove si toccheranno massime di 36 gradi. Andrà meglio sulle coste mitigate dalle brezze marine e in montagna sopra i 1500 mt.

A peggiorare la situazione e a far aumentare il caldo percepito, l’afa, che sarà più forte al mattino e al tramonto, mentre nelle ore centrali della giornata, visto l’ampio soleggiamento, sarà meno intensa, attestandosi su valori intorno al 50%.

Caronte resisterà sull’Italia fino a fine mese, ma nel corso di questo weekend subirà una botta d’arresto. Aria fresca nord atlantica si insinuerà sull’Italia portando dapprima al Nord e poi in alcune zone del Centro, temporali a carattere sparso. Di Fast Storm saranno particolarmente interessate le regioni settentrionali dell’arco alpino, poi la Pianura Padana, gli appennini e alcuni settori pianeggianti della Toscana. In ogni caso la presenza di questa corrente atlantica smorzerà un po’ il dominio di Caronte, facendo abbassare di qualche grado la temperatura e consentendo un po’ di respiro e di clima meno afoso.

Con questo caldo sognate un bel tuffo al mare? Ecco dove andare a farlo in Italia!

 

 

 

 

 

 

Previous articleVoli low cost Canada: quando andare quasi gratis
Next articleLa decisione shock di Trenitalia. Per i biglietti regionali cambia tutto
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.