Dimmi che naso hai e ti dirò chi sei e da dove vieni

nasiDimmi che tipo di naso hai e ti dirò chi sei. Non ci credete? Le nostre caratteristiche fisiche dicono molto di noi e delle nostre origini. Ad esempio i piedi ci dicono da dove veniamo e il colore dei nostri occhi che tipo di persona siamo. Insomma, come sappiamo si comunica e comunichiamo di noi ancora prima che apriamo bocca. E chi se ne intende potrebbe anche capire quali sono le nostre origini.

Comprendere qual è la nostra personalità da un dato aspetto fisico fa parte di una scienza, la fisiognomica. Certo, nel corso degli anni si è sviluppata e resa più flessibile rispetto alla fermezza con cui Cesare Lombroso  supponeva che dai volti si poteva capire se una persona fosse un criminale o meno.

E poi ovviamente ci sono le origini. Ogni razza, caucasica, asiatica, africana, ha delle caratteristiche fisiche ben precise. Il naso è proprio una di queste. Ad esempio il naso con dorso prominente è tipico dei Paesi del Mediterraneo, quello con dorso basso è tipico degli asiatici, il naso a patata con la punta grossa è tipico dei baltici.

 

E la personalità? Ci sono vari studi a proposito; Quello che noi vi presentiamo è quello del professor Abraham Tamir, della Ben-Gurion University del Negev, Israele . che ha pubblicato i suoi studi su una rivista di chirurgia facciale.

1.IL NASO NUBIA 
La caratteristica principale del naso Nubian è la sua lunghezza. Il ponte è quasi dritto, mentre la parte superiore è inclinata leggermente verso il basso. Le persone che hanno questo naso sono curiose, ottimiste e accoglienti e hanno una spiccata abilità nel problem solving.

1
2
3
4
5
Previous articleTerrore in volo: pilota accecato da un raggio laser
Next articleMar Nero: le località più belle e low cost
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.